The Unedited
Free space for free expression in English & Italian
(Un)Edited by Carlo Pelanda
Managed by F.Brunelli e L.Borgiani

IL PERICOLO DELLE CASE "SMART"

By Filippo Brunelli
   

Con la diffusione delle case intelligenti (frigoriferi che dialogano con il microonde che poi ti manda sullo smartphone la lista della spesa ) la maggior parte delle persone si preoccupa della possibile propagazione di virus attraverso questi dispositivi, tanto che alla fine dell'anno passato (2013) e inizio del presente (2014) diversi giornali nazionali lanciavano l'allarme ( es. repubblica del 20 gennaio 2014 ) In realtà la paura che le persone che fanno uso di questi dispositivi dovrebbero avere è ben altra: un vero hacker non entrerà mai nel vostro sistema per mandarvi spam o virus come riporta l'articolo di repubblica, ma entrerà nel sistema solo per il gusto di farlo ( come ogni hacker fa) e poi lascerebbe un ricordo della sua presenza, magari spegnendovi il frigo o accendendo il fornello oppure alzando il riscaldamento a 60° in pieno agosto. Vorrei portare l'esempio di Marc Gilbert, padre di 34 anni di una bambina di 2 anni, che è stato vittima di un hacker che , seppur virtualmente, si è insinuato in casa sua. L'uomo era tornato dalla propria festa di compleanno e stava per entrare nella camera di sua figlia per darle la buonanotte ma, mentre era ancora fuori, ha sentito chiaramente la voce di un uomo provenire dall'interno. Marc, che si è precipitato in camera in cerca di un aggressore che in realtà non c'era o meglio non nel senso letterale del termine. Tutto ciò che era presente in camera era una voce, tetra, che fuoriusciva dal baby monitor installato in camera e che ripeteva questa frase: "Wake up you little slut". Un uomo, dunque, la cui identità resta ignota, era riuscito a indicizzare l'indirizzo IP del baby monitor, riuscendo a vedere quanto accadeva in quella stanza, trasmettendo addirittura la sua voce. Ma come è possibile che questo possa succedere? Ogni computer connesso a Internet o eventualmente dispositivo ha un indirizzo IP pubblico, quindi raggiungibile dall'esterno. Il motore di ricerca sapendo il range di indirizzi disponibili online in tutto il mondo, come un crawler fa una scansione automatica e cerca di connettersi a tutti. Per ogni IP a cui riesce a connettersi ne legge i cosiddetti banner". Una volta interrogati posso fornire informazioni di vario genere: la tipologia e il nome del server web, il software adottato (Apache) e la versione, la geolocalizzazione, etc. E così di fatto si sa che a quell'indirizzo IP corrisponde un server attivo, magari web, conosce la versione e così via di conseguenza eventuali falle. Quindi, anche se il vostro Smartphone od il vostro frigorifero non compare su google quando fate una ricerca, non vuol dire che non sia presente sulla rete e che non sia rintracciabile. In un prossimo articolo parlerò del motore di ricerca più pericoloso al mondo, che permette appunto di rintracciare questi dispositivi collegati. 

Archive
By Filippo Brunelli