The Unedited
Free space for free expression in English & Italian
(Un)Edited by Carlo Pelanda
Managed by F.Brunelli e L.Borgiani

START È TORNATO

By Filippo Brunelli


Per Terry Myerson, responsabile dei sistemi operative Microsoft, windows 10 sarà il miglior sistema operativo di sempre.
In effetti ,quello che Microsoft ha presentato a San Francisco alla fine di settembre, è uno dei più ambiziosi progetti della casa di Redmond: Creare una piattaforma unica che possa andare bene per tutti i dispositivi, dai PC ai smartphone e tablet.
Per gli utenti Pc la cosa più interessante è sicuramente il ritorno del tasto START, la cui scomparsa aveva tanto fatto infuriare gli utenti di Windows8.
Il menù start di windows10 è un evoluzione dei precedenti: prima di tutto potrà essere completamente personalizzato e questo, non solo nei contenuti, ma anche nelle dimensioni e nelle applicazioni Modern in esso contenute; sempre il menù start fonda, finalmente, due mondi di windows: quello dei programmi tradizionali con vista a menu e quello delle app accessibili attraverso le mattonelle animate; con un solo clic si ha la possibilità di accedere alle funzioni e ai file più utilizzati. Per finire include un nuovo spazio da personalizzare con le app, i programmi, i contatti ed i siti web preferiti.
Un'altra innovazione ( per gli utenti Microsoft) è la presenza di desktop virtuali.
Chi usa altri sistemi ( Linux) sa già di cosa stiamo parlando: questa tecnica permette di simulare la presenza di più desktops indipendenti in modo da avere teoricamente sempre una schermata più o meno libera a disposizione;come avere diversi monitor in uno solo.
Un altro passo indietro, se così vogliamo chiamarlo, è il ritorno alle finestre: le app adesso possono essere aperte nello stesso formato dei programmi desktop. ( si possono ridimensionare e spostare, hanno una barra di comandi che consente di ingrandire, ridurre a icona e chiudere l'app con un clic come tutte i programmi desk).
C'è poi il tasto Task view, che permette di vedere tutti i task e file aperti, per poter passare velocemente da uno all'altro.
Confrontandolo con il suo predecessore (windows8) un'altra delle differenze è la scomparsa delle barre laterali, che tanto davano fastidio agli utenti e che, a volte, si aprivano per sbaglio, come pure la tanto odiata schermata metro.
Da un punto di vista tecnico il sistema risulta molto veloce anche su computer che hanno solamente 2Gb di memoria.
A conti fatti il nuovo sistema microsoft sembra, finalmente, essere qualcosa di innovativo che, si spera, farà smettere di rimpiangere il glorioso windows Xp. Purtroppo prima di vederlo dovremmo aspettare il 2015 e non sappiamo bene quando, visto che non abbiamo ancora date certe per il rilascio.
Il mio consiglio, a chi ha in mente di cambiare computer e di rimanere su un sistema microsoft, è di aspettare l'uscita dei computer che montano già il nuovo windows10 di serie, visto che ultimamente si trovano (nella grande distribuzione) solo computer con window8 e difficilmente con windows7

Archive
By Filippo Brunelli