The Unedited
Free space for free expression in English & Italian
(Un)Edited by Carlo Pelanda
Managed by F.Brunelli e L.Borgiani

RICORDI DI UN VECCHIO GEEK.

By Filippo Brunelli
  

L' 8 luglio 2013 chiuderà definitivamente un altro pezzo della storia informatica moderna: Altavista.
Questo, in realtà, è solamente l'ultima di una serie di dismissioni di storici programmi e siti che hanno fatto la storia del web negli anni '90.
Abbiamo visto la scomparsa prima di Comic Chat, poi di Netmeeting sostituito da Messenger , a sua volta sositutito da Skype; la fine di Hotmail, sostituito da Outlook.com, ed anche il famoso Flash, alla fine ha dovuto subire la sua inesorabile fine.
Per un "vecchio" geek come me, non dovrebbe stupire più di tanto, ho assistito al passaggio dalle BBS ad Internet ma, questa scomparsa di Altavista, mi lascia un buco nel cuore. 
Perché? I motivi sono vari :
i) Altavista è stato il primo motore di ricerca che definirei "moderno": il suo look era molto semplice, in un momento nel quale i suoi concorrenti tendevano a diventare portali ( yahoo!, Lycoss, Excite); 
ii) era veloce, una ricerca aveva un tempo medio di ricerca di circa 0,7 secondi; era semplice e permetteva di fare ricerche complesse tramite l'uso delle virgolette e degli operatori logici AND, OR, NOT; 
iii) fu il primo motore di ricerca a fare la ricerca per immagini e ad essere multilingue;
iv) infine per molti, tra il 1995 ed il m1998, è stato "IL MOTORE DI RICERCA", fino a quando non è arrivato Google.


Ripassiamo la storia di Altavista brevemente: venne realizzato nei laboratori di ricerca a Palo Alto, in California ed il 15 dicembre 1995 fu aperto al pubblico.
In un solo anno raggiunse la vetta dei 25 milioni di utenti mensili, superando Excite e Lycos.
Nel 1996 divenne fornitore esclusivo delle ricerche di Yahoo!. Nel 1998 la Digital venne acquistata dalla Compaq, AltaVista diventò un portale e questo segnò l'inizio del suo declino.
Nel 2003 Altavista diventò proprietà di Yahoo!
Nel 2013 Yahoo, sotto la guida del CEO Marissa Mayer, decide di chiudere il servizio.


Non so cosa rimarrà a ricordarci gli inizi della massificazione del web nei prossimi decenni, o chi sarà il prossimo a dipartire. 
Forse ICQ?

Archive
By Filippo Brunelli