x
Titolo


  FB   TW   whatsapp

Free space for free expression in english & italian

Established
1999
Managed by
F.Brunelli

The Tennessee Walker
The Tennessee Walker
By The Tennessee Walker
Geopolitical Signals in the Market Noise - The Uranium Edition

There is a new economic security paradigm. The world is entering an era of the Golden Rule: “He who has the Gold makes the Rules.” Or in the terms of this article: “He who has the Uranium makes the Rules.” It appears the US military agrees.

On April 13, 2018, a draft bill was sent to the Russian Duma which would ban all trade between Rosatom (the Russian state-owned nuclear company) and US nuclear utilities. These proposed sanctions on nuclear fuel exports were in response to sanctions that the United States imposed on Russia earlier in the month on April 6th. 
The bill was unlikely to advance, given that Tenex (the marketing arm of Russia’s state-owned nuclear company, Rosatom) books over $6.5 billion in contracts with the United States every year, and the sanctions would only hurt Russia’s position in the global uranium market. However, this series of events highlighted a critical vulnerability for the United States. 
The US is the largest consumer of uranium in the world, using 46 million pounds U3O8 per year to fuel its 99 reactors. Nuclear energy represents 20% of US baseload power, and yet, the US will produce only 1.1 million pounds U3O8 in 2018, which means it imports 98% of its annual uranium requirement (and that does not include its military requirement). 
Of that imported amount, 40% comes from Russia, Kazakhstan, and Uzbekistan. Globally, Kazakhstan holds a dominant position in uranium production with 39% of the world’s annual mining output. Russia holds a dominant position in uranium enrichment with 40% of global enrichment capacity. So this threat from Russia has real substance and is a reminder that nation-state conflict is multi-dimensional, played out through kinetic violence but also through trade and financial flows.

The uranium section 232 petition

Commodity prices are famously cyclical given inelastic demand, unpredictable environmental and political factors, and long lead times for production. From the time a uranium deposit is discovered to the point a mine is permitted, built, and put into production - it can be 10 years or more. So when there are strategic vulnerabilities like uranium supply for the US - 98% of US supply is imported with 40% coming from Russia or Russian influenced nations - it cannot immediately be blamed on unfair trade practices or government subsidies for state-owned enterprises. 
This must be said because the most extreme Free Trade activists will decry any intervention into markets with a religious ferocity, not realizing that all markets have an underlying political construction. So yes, this author acknowledges that supply destruction naturally occurs in commodity markets due to their hyper-cyclical nature. With that said, uranium is clearly already a highly politicized market and market intervention deserves an honest multi-dimensional (economic and national security) assessment. 
The Trump Administration is currently reviewing a petition by two US uranium companies (Energy Fuels, UR Energy) that calls for 25% of the US uranium market to be reserved for domestic producers. In addition, it would require the US government to purchase uranium only from the domestic market. The Trump administration has already implemented trade restrictions on aluminum and steel based on a similar “Section 232” petition, so there is a high likelihood of trade actions resulting from the uranium petition (scheduled May-July 2019).

Market Pricing and the Strategic Objectives of authoritarian capitalism and democratic capitalism

Government intervention into markets is a spectrum ranging from completely free market pricing to government price fixing. The market “tool set” of authoritarian capitalism exists much closer to the price-fixing end of the spectrum. However, the failure of the Soviet and Maoist models have pushed authoritarian regimes to selectively implement market forces. Despite this, authoritarian regimes still distort global markets with their policies, subsidizing state-owned enterprises and their domestic resource markets. It satisfies their domestic population with lower input costs (fuel, materials) and with employment. When this subsidized source of supply is introduced into western markets, it acts as a syphon of financial resources and employment from the western world directly to the authoritarian regimes. In addition, it makes democratic capitalist economies more dependent on resources originating in the authoritarian capitalism sphere of influence, which satisfies a strategic objective for authoritarian regimes. 
The uranium market is no different. State-owned uranium companies in Russia, Kazakhstan, and China are operating at a loss, driving out the private sector from the market such that there is only one producing mine in Canada and two producing mines in the United States. Indeed, up to 90% of global uranium mines are currently operating at a loss. Western companies like Rio Tinto, BHP, and Paladin are all either cutting production or selling their assets. In the meantime, authoritarian capitalists are consolidating their position in the market - China just bought a controlling stake from Rio Tinto in the the Rössing mine in Namibia, one of the largest uranium mines in the world. It has already invested in and seeks to invest more in Canada’s Athabasca Basin, the world’s leading source of high-grade uranium.
It must be mentioned that other political and environmental forces have also acted on the uranium market price for decades. One of the largest sources of secondary supply was the Megatons to Megawatts program from 1983 to 2013, when Russians were downblending highly enriched uranium from 22,000 ICBMs to low enriched uranium and selling it to American utility buyers. In some years, they sold as much as 20 million pounds of uranium. 
Then of course the Fukushima disaster happened in 2011. Japan shut down all of its reactors (12% of global demand) and began to sell its uranium fuel reserves into the global spot market. For two years after Fukushima, the Megatons-to-Megawatts program continued to pour uranium onto the spot market, ultimately driving the price down to $18/lbs. In 2011 before Fukushima, the uranium price was $75/lbs, and in the commodity bull market of 2003-2007, the price of uranium reached $136/lbs. Thus, there are other secondary sources of supply that have weighed on uranium markets in the last few years besides government intervention by the authoritarian area into primary supply sources.
The point is that when commodity prices reach cyclical lows, authoritarian regimes can acquire assets cheaply and consolidate their position in the market so that when the price rebound occurs, they have already secured sources of supply. In contrast, at cyclical lows companies in the democratic capitalist area have trouble accessing capital and thus cannot accumulate assets at the same scale or speed as state-owned enterprises. Governments in the democratic capitalist area have an incentive to help commodity prices rebalance as quickly as possible so that capital flows back into democratic capitalist companies. Democratic capitalist nations can do this by collecting and broadcasting market data as well as direct types of action like the uranium Section 232 petition calls for.
Democratic capitalism relies on market price incentives for strategic objectives (like domestically-sourced uranium supply). Authoritarian systems can temporarily override market mechanisms to artificially inject capital into their state-owned enterprises at cyclical price lows and consolidate their market position at a time when no capital is available to democratic capitalist companies.

Is the US military engaging in economic security policy-making?

The uranium price is rebounding, up 42% in 2018, which means the market price is responding to a range of price-constructive supply and demand factors. The Megaton program is no longer running. Japan is now bringing its reactors back online. Kazatomprom has cut production. There are 59 reactors currently under construction worldwide. The IAEA estimates that the global all-in sustaining cost (AISC) for uranium production is $60/lbs. While Kazatomprom likes to tout production costs for its best ISR uranium projects in the teens, some analysts point out that the Kazakhs have not been reinvesting capital into their mines and the real cost of production is much higher. 
Why then, is the Trump Administration considering the Section 232 petition if the uranium market seems to be operating according to supply and demand? If the global AISC is $60/lbs, and the market is recognizing that the global swing producer Kazatomprom actually has much higher costs than reported (perhaps $45/lbs), then the market price will rise from the current $29/lbs and US uranium producers will compete again at closer to free market prices.
Of course, it is a reaction to the fact that Russia and other authoritarian regimes have consolidated the uranium market effectively. Section 232 petitions originate in the Trade Expansion Act of 1962, which authorizes the President of the United States to adjust specific imports from other countries if the importation “is in such quantities or under such circumstances as to threaten to impair the national security.” What is interesting is that the CEO of UR Energy said in a recent interview that Rick Perry, the US Secretary of Energy, asked him to file the Section 232 petition. Meaning, the Trump Administration is pushing the Section 232 action, not responding to the appeals of domestic producers. 
The U.S. Department of Energy is an integral part of the national security infrastructure. It oversees the US nuclear weapons program and naval nuclear reactors. Now it is stepping into the uranium market itself for national security reasons. This is part of what appears to be a larger move of the US military and defense establishment into a more active role in US economic security policymaking. 
If true, it is not a surprise that the US military is taking on a more active role. Consider the newly implemented steel tariff. Inferior Chinese steel was being used for US military applications and was prone to failure. In fact, Chinese and Russian steel imports almost completely eliminated US domestic steel production capacity. Consider the recent news that chinese spy chips were found in hardware used by Apple and Amazon. Or consider that Russia supplies the RD-180 rocket engines used by NASA and the Pentagon because the US does not have a reliable domestic alternative. More than ever, the US military is being pushed into the realm of economic security, which has traditionally been the domain of financial operators. 
When Admiral Michael Mullen said in 2010 that US debt levels are the most serious national security threat to the United States, it signaled a heightened economic security awareness and emphasis among the military establishment. That level of engagement is increasing as the US military sees that financial operations are no longer sufficient to meet US economic security strategic objectives. (A personal note: this author has worked with Wall Street veteran, Jim Rickards, who is now training the US military in financial and non-conventional economic warfare.)

A new economic security paradigm?

When the US developed its economic security doctrine in the 1940s, it was built around two pillars - trade policy and the US Dollar as global reserve currency. Access to the robust consumer economy in the US incentivized the cooperation of its western allies. USD status as global reserve currency and use in global payments also afforded the US an “exorbitant privilege”. However, the 2008 financial crisis was a signal that US consumption can no longer support the global economy, and while the US Dollar still represents 60% of global reserves and 80% of global payments, recent “de-SWIFTing” efforts and the Chinese/ Russian response prove that US influence on global financial flows is attenuating.
Under the Obama administration, the US waged financial warfare against Iran, imposing sanctions on Iranian individuals and entities, and banning Iran from the U.S. Fedwire payment system. So Iran switched to selling its oil for Euros and transacting through the international SWIFT payment system. Next, the US leaned on its SWIFT partners to ban Iran from using that system. This measure was effective, cutting off Iran from its major source of hard currency through oil sales. There was a run on Iranian banks, interest rates rose to 20%, and the Iranian rial collapsed. US dollars were smuggled in through Iraq while gold and consumer goods were smuggled in through Dubai. (The Obama deal in 2015 eased pressure on Iran, only to be reversed by the Trump administration. Iran is again under pressure.) 
But how effective will such sanctions and “de-SWIFTing” measures be in the future? Russia has already created an alternative to SWIFT (the System for Transfer of Financial Messages) that is growing in use. China has created the China Interbank Payment System. These competitors to SWIFT will grow in use and compatibility, seriously limiting the US ability to wage financial warfare. The technology for digital currency and payment messaging is not difficult, and the distributed ledger technology used by cryptocurrencies helps to solve many of the Trust issues in information networks. So the outsized influence that the US holds over SWIFT cannot last indefinitely.
Likewise, in terms of trade, consider the example of Iranian oil - the US has no effective mechanism to stop China from buying Iranian oil, which gives the Iranian regime a substantial lifeline. Financial operations and trade mechanisms will be insufficient to ensure US economic security in the future. Both the United States “stick” (trade and financial enforcement mechanisms) and “carrot” (access to its large consumer market) are becoming weaker and weaker.
There is a common assumption in the United States that debt and other financial obligations have built-in coordination mechanisms (negative enforcement protocols and positive economic growth externalities). Likewise, the US and its allies are operating under the assumption that mutual gains to trade and increasingly complex multilateral expectations will lead to global cooperation. But these assumptions are built - whether it is acknowledged or not - on the monopolization of the use of force (US military). 
The former US economic security paradigm resulted in a brilliant global market structure for over 60 years. However, the US military now sees that structure as a threat to its ability to operate in its traditional security capacity. There are many arguments for why (Clinton allowing China into the WTO, collapse of Soviet Union putting undue pressure on the US market, etc), but regardless, Trump is introducing the world to the new economic security paradigm.

Conclusion

The Trump Administration recently released a list of 35 “critical minerals”, including uranium. The US is 100% import-dependent for 14 of the minerals and 50% import-dependent for 16 of the minerals. It has already taken action on aluminum and steel, and probably will soon on uranium. The US is taking concrete steps to secure supply of strategic raw materials. This author would encourage US allies to consider that these efforts, while protectionist in nature, may be an effort to grapple with the new economic security paradigm, not necessarily a response to the complaints (or inefficiencies) of domestic producers.
From the beginning of the Trump presidency, this author has viewed the Trump administration as essentially a military operation. The move into politics by the US military, albeit behind the scenes, started in 2013 when the military made a public rebuke of the Obama team for its actions in Syria. Obama retaliated by reshuffling the military’s officer ranks. 
What then are the intentions of Trump and the military? Secretary of State Mike Pompeo (who himself is deeply embedded in the US military establishment) said in a recent foreign policy speech that the Trump administration seeks to build a “new liberal order”, an “open, just, transparent and free world of sovereign states.” This mention of ‘sovereign states’ speaks directly against those elements in the US and European elite who are trying to build a world based on the primacy of multilateral institutions.

            If and how that “new liberal order” is built remains to be seen, but US allies should consider that it may be an honest effort on the part of the Trump administration that ultimately originates from the national security establishment itself, particularly its oldest and original elements that are most loyal to America’s founding principles. If Pompeo is speaking honestly, actions by the Trump administration to reformulate American economic security are not necessarily isolationist in nature, but are attempts to grapple with a new security environment.

G. Zincone
Zinconeide
By G. Zincone
I Riti Indispensabili

“Il coraggio senza riti è temerarietà.
La prudenza senza riti è paura.”
Confucio, Dialoghi (Ed it Garzanti)

L’insussistenza dei riti è stata una possibilità dai tempi della cosiddetta “Fine della Storia” ipotizzata a seguito della caduta del sistema sovietico.
La realtà successiva appare molto più vicina alle tesi di Huntington, di separazione multicentrica.

Chi scrive è nato e vive nel conglomerato Occidentale, si è posto il problema di sopravvivenza e dominanza di una ritualità parareligiosa che ha preso il posto di una religione organizzata condivisa, nel senso di instrumentum regni.
Il fare che ne deriva è soggetto a una rete dogmatica tanto più rigida quanto meno organizzata e competente.

In altri tempi, l’organizzazione e la competenza si sarebbero basate su un sistema.
Esso si fondava in primo luogo su letture e conclusioni condivise (anche per imposizione), sia sacrali (le varianti statuali del cristianesimo), sia parasacrali (il ruolo di Suslov nella URSS di Breznev).

I riti condivisi nell’Occidente contemporaneo sono invece riferiti a un conglomerato di credenze, incurante delle aporie.

Tra le credenze principali:
1) l’ossessione ecologica (riscaldamento globale e conseguenti decisioni estemporanee quali l’automotive elettrico, decrescita felice, deindustrializzazione - carbone, siderurgia);
2) il relativismo culturale (qualsiasi altra cultura conquistata/assimilata/limitrofa assume pari importanza);
3) il tema gender elevato a sistema (nel privato chi scrive ha totale assenza di pregiudizio, ma l’appartenenza LGBT non sia criterio preferenziale, a cominciare dalle arti visive);
4) la revisione storica del ruolo occidentale nel mondo, vista come annullamento di ogni lettura favorevole all’Occidente, dalle Crociate a Gengis Khan; dal ruolo degli Imperi - austroungarico, inglese, turco - al colonialismo ottocentesco;
5) la rinuncia sistematica alla forza e al suo uso a fronte di qualsiasi minaccia;
6) la non-demarcazione di confini tra ciò che noi siamo e ciò che è altro da noi.

Tali credenze, inoltre, sono connesse a una generica modalità espiatoria paracristiana, cioè derivante da una lettura aneddotica parziale di temi vangelici.
Cioè, della colpa occidentale.
Esse hanno assunto il ruolo di Riti Dominanti.

Dogmi, la cui infrazione comporta l’espulsione dalla comunità.
Il prezzo è stato pagato da molti intellettuali, il primo nome a venire in mente è Éric Zemmour.

Questo ha influenza sia nelle modalità collettive (comportamento, convivenza), sia nelle decisioni propriamente politiche e strategiche.
L’intervento odierno se ne occupa per conseguenze politiche e strategiche.
In particolare, ai fini della sopravvivenza del sistema occidentale in termini di libertà culturale e di benessere condiviso.
Termini relativi, dinamici ma incontrovertibili.

Il paradigma proposto da Luttwak con La Grande Strategia dell’Impero Bizantino (il mantenimento plurisecolare di un impero diminuito mediante apprendimento e adattamento) nel tempo attuale rimanda all’epoca delle divisioni tra iconoclasti e iconoduli, disgregazione interna e disarmamento a fronte delle minacce esterne.
Questo paradigma regge sotto il profilo dell’economia delle forze e del bilanciamento sfavorevole contro competitori esterni.
Tuttavia il dato mancante è l’assenza attuale di una religione condivisa.

Noi siamo postumi di un Occidente de-religioso, interconnesso in superficie e sprovvisto di fondamento.
Dove ‘gli uomini sono diventati poveri diavoli che “sanno tutto e non credono a niente” ’.

A titolo di esempio: le posizioni/opposizioni/ non-posizioni sulle questioni relative all’ingombrante vicino conglomerato islamico.
Laddove opporsi validamente alle istanze dominanti di alcune parti non deve equivalere alla deprecazione delle stesse, piuttosto alla loro conoscenza, al loro riconoscimento.
Chi scrive ha competenze limitate sul tema, ma ritiene ridicolo semplificare civiltà teologiche di fascino e complessità.
Con invito alla lettura di Henry Corbin (es. Corpo Spirituale e Terra Celeste. Dall’Iran Mazdeo all’Iran Sciita, Adelphi).

Altrettanto per il Celeste Impero e ai suoi nuovi scopi, modi, punti di forza e criticità utilizzabili.

Per comprendere chi si sia, sapendo chi siano gli altri da se’.

La rimozione degli studi sulla Civiltà della Tecnica, cioè da ciò che siamo diventati, dai temi degli studi diffusi della politica, anch’essa di natura ideologica, limita grandemente la valutazione prospettica di ciò che siamo e possiamo divenire.
Senza rimpianti per un passato meno confortevole e molto meno libero.
Cioè come seppero fare due grandi, controversi intellettuali del ‘900. Ernst Jünger e Carl Schmitt.
Le loro prospettive, le loro analisi sono preludio essenziale per l’elaborazione di un paradigma alternativo ai Riti Dominanti di cui sopra.

Il passaggio successivo attraverso l’elaborazione e il fondamento di un sistema culturale valido, complesso (mai univoco; dinamico) che abbia il ruolo di “Attrattore Strano” nel generare una cultura diffusa ri-generante che sia insieme intelligente, prospettica, mnesica e fondata.

Cioè, di un nuovo sistema fondato nella dinamicità.
Attraente - quanto lo fu la rete culturale statunitense nell’Europa dopo la guerra.
Un’opera di politica culturale di massa, che richiede sistematicità, lavoro e determinazione.
Perché ne va del nostro stesso sopravvivere.

Il richiamo e il suggerimento alla cultura visiva, sta nell’accesso più immediato (leggere richiede tempo e fatica...), nell’ambiguità intrinseca (evita collocazione facile e stigmatizzazione), nella trasmissibilità potenziale.

Quindi:
1) operare affascinando, via fondazioni culturali nelle arti visive (musica e cinema a seguire o in parallelo) con una regia finalizzata (strategica), ma mai immediatamente decifrabile e tantomeno classificabile;
2) elaborare e utilizzare un sistema culturale contemporaneo che abbia in se stesso le virtù di sistematicità, di fondatezza e di capacità di evolvere dissimulando.


Dediche e ringraziamenti
Il mio grazie alla prof. Luisa Bonesio, che mi ha donato gli atti del Convegno “Ernst Jünger e il pensiero del nichilismo”, da cui ho estratto verbatim la citazione della prof. Caterina Resta e indirettamente quella di Carl Schmitt.
A mia madre, che mi ha fatto leggere Confucio e la lirica cinese antica, anziché impormi di giocare a pallone.
A Umberto Galimberti che negli anni del liceo mi lasciò studiare la Politica Culturale del Nazismo (H. Brenner) e mi avvicinò - attraverso Heidegger - ai filosofi e scrittori della Rivoluzione Conservatrice.
Alla memoria di Karl Haushofer, di sua moglie Martha Mayer Doss e del loro figlio Albrecht, tragiche biografie paradosse tra due mondi in conflitto.
Ovviamente, a Gottfried Benn e alla sua musa Else Lasker-Schüler.
Agli Old Marburgers, Leo Strauss tra loro, da cui non smetto di imparare

P. Paracchini
Reflections on Italy
By P. Paracchini
Italy, where too many cooks spoil the broth for everyone but themselves!

Italy remains the least governable and most unstable member of Nato, not to mention the UE. Despite being one of the original six Founding Members and one of the principal financial supporters of the UE, Italy does not carry the political weight one would expect of the EU’s second major manufacturing Power. A question of leaders and leadership?

 

Fourteen months ago, despite an electoral law hastily redesigned to encourage multi-party politics as opposed to the bi-party politics of the Berlusconi “era," Italian voters, clearly sending a message to their leaders side-stepped the traditional parties and voted resoundingly for two up-starts known as the M5S and Lega parties. These two parties subsequently formed the first two-party coalition government in the history of the Republic. Known as the “Government for Change," that government was put into sudden-death overtime by Matteo Salvini, leader of the Lega on August 8, 2019. 

 

After a little more than one year, Italians stand aghast as Italy’s leaders once again seem intent on playing “craps” with the lives of their fellow citizens. Naturally, for the good of all Italians, but most of all for the good of the Country’s numerous and highly paid bureaucrats and, of course, for the thousands of MPs and politicians required to represent a shrinking Italian electorate now down to about 50 million people.

 

No one on the right or left of the political spectrum can deny Italy needs “a better mouse trap”. In the age of real-time communications, smart phones, computers and broad-band internet connections, Italy needs a political machinery that    is democratic, quick to decide and cost effective.

 

The present Constitution and Institutions do not seem to guarantee any of the above. What to do?

 

  1. Reduce the number of MPs. It makes little sense for Italians to pay for 1000 legislators when half would be more than enough to adequately represent Italy’s decreasing eligible voter population of some 50 million. An example? Italian Representatives represent 80,000 people each compared with 733,000 people each by their American counterparts. Italian Senators, which are less than half in number, represent 200,000 people each. However, in the US Senators represent the individual States and no comparisons are possible.
  2. Cut the outrageously high cost of Italian politics. Italian MPs earn more than € 190,000.00 per year. They are the highest paid politicians in Europe or the Americas. The cost of running Italy’s Quirinal Palace (where Pres. Mattarella and retinue live and work) is five times that of Buckingham Palace and twice that of the White House! For most Italians, politicians are not worth the money they get, especially in these times of diminishing returns. Something must be done to stop the gouging of taxpayers.
  3. Encourage the formation of a manageable two / three party system by rethinking voter districts, raising thresholds for winning seats in parliament and adopting a first-past the-post majority electoral system. The error is believing that more parties in Parliament equals more democracy. In the Italian case the proliferation of parties has brought nothing but confusion and hegemony often by parties representing but a majority only marginally superior to their own.
  4. Neutralize the Italian Magistrature’s bid for political power by constitutional amendment where possible and/or by making the Magistratura accessible to lawyers and Notaries in private practice; the present closed system does nobody any good; civil servants and bureaucrats become more responsive to the needs of society when challenged by competition from the private sector.  

 

All systems are self-preserving and naturally Italian politicians believe the answer lies not in the above suggestions but in going even more proportional (in efforts to stop the “populist right” from spoiling their well-remunerated fun). For the good of Italy and to make sure it is “never again” for the likes of Salvini.

 

Come Tuesday, August 27, should Mattarella not send everybody to the polls sometime this fall, Italians risk falling back into the hands of the old cold-war leadership that nearly bankrupted the Country. If that were allowed to happen, self-determination could become the North’s only option. Caveat emptor!

 

Filippo Brunelli
Nerdering
By Filippo Brunelli
Y2K ovvero come ci salvammo dalla regressione digitale

Il secondo decennio del 21 secolo è appena iniziato e pochi si ricordano che solamente vent’anni fa abbiamo rischiato una piccola regressione digitale.
Questa riflessione nasce da un post che sta girando da qualche giorno sui maggiori social network e programmi di IM che avverte che “Quando scriviamo una data nei documenti, durante quest’anno è necessario scrivere l’intero anno 2020 in questo modo: 31/01/2020 e non 31/01/20 solo perché è possibile per qualcuno modificarlo in 31/01/2000 o 31/01/2019 o qualsiasi altro anno a convenienza. Questo problema si verifica solo quest’anno. Stare molto attenti! Non scrivere o accettare documenti con solo 20. Fate girare questa utile informazione”.
A prescindere dal fatto che in tutti i documenti legali è buona norma (quando non obbligatorio) usare la data in formato esteso, tutti i documenti che prevedono una registrazione prevedono anche una datazione estesa al decennio, fin dai tempi del Millennium Bug.

Ma cosa è stato questo Millennium Bug che tanto ha spaventato alla fine del 1999 il mondo informatico e che è passato senza troppi problemi tanto che oggi c’è chi (i complottisti esistono sempre!) crede che non sia mai stato un reale problema ma un’invenzione atta a far spendere solti alle aziende, agli stati ed ai singoli utenti?
Spieghiamo subito che il termine Bug, in informatica, identifica un errore di programmazione e nel caso del Y2K (come veniva chiamato il Millenium Bug) non si trattava di un errore di programmazione ma di una scelta dettata dalle necessità: all’inizio dell’era informatica e dei personal computer la memoria rappresentava una risorsa così, quando si scrivevano le date, per gli anni si pensò di utilizzare solamente le ultime due cifre che componevano l’anno e non tutte e quattro così 1972 si scriveva 72.
Ma cosa sarebbe successo al cambio di data dalla mezzanotte dal 31 dicembre 1999 al 1º gennaio 2000 nei sistemi di elaborazione dati? Il cambio di millennio avrebbe portato a considerare le date 2000 come 1900 e i problemi che si presentavano erano parecchi, dal valore degli interessi maturati alle date dei biglietti aerei, dal noleggio di automobili ai dati anagrafici dei comuni, dai possibili blocchi delle centrali elettriche alla paura di disastri nucleari.
Per rendere un’idea del panico che venne propagato basta pensare che negli stati uniti vi fu un aumento dell’acquisto di armi e che la stessa unione europea istituì una commissione per l’analisi dei rischi dell Y2K (
https://.cordis.europa.eu/article/id/13568-commissions-analysis-of-the-y2k-problem).

Oggi sappiamo che il problema del Millenium Bug era noto da tempo ad ingegneri e programmatori, molto prima che diventasse un problema mediatico, e che si iniziò a lavorare per evitarne le catastrofiche conseguenze.
La Microsoft con i suoi sistemi operativi Windows95 e Windows98 era preparata e le patch (una porzione di software progettata appositamente per aggiornare o migliorare un determinato programma) che vennero distribuite furono pochissime, non lo stesso per il vecchio window 3.11 che stava in quel periodo terminando la sua vita operativa e che dovette subire parecchi aggiornamenti; i Bios dei computer vennero aggiornati (quando non lo erano già), mentre per i sistemi Linux non si presentarono problemi.
Dire che però tutto filò liscio come l’olio non è esatto, alcuni problemi vi furono e se non diventarono tragedie fu solo perché l’allerta data permise di avere del personale preparato allo scattare della mezzanotte.
Infatti se alcuni problemi come accadde nello United States Naval Observatory che gestisce l’ora ufficiale del paese e sul Web segnò come data il 1 gennaio 1900, o del cliente di un negozio di noleggio video dello stato di New York si trovò sul conto $ 91.250, possono essere considerati fastidiosi in altri casi si rischiò la catastrofe: la centrale nucleare di Onagawa ebbe qualche problema di raffreddamento che scatenò l'allarme 2 minuti dopo mezzanotte, egli Stati Uniti, il sistema di elaborazione dei messaggi della Guardia costiera venne interrotto, alle Hawaii vi furono interruzioni di corrente.
Più tragico fu quanto accadde a Sheffield, nel Regno Unito, dove ci furono valutazioni errate del rischio per la sindrome di Down inviate a 154 donne gravide e vennero effettuati due aborti come risultato diretto del Y2K (dovuto ad un errore di calcolo dell'età della madre), mentre quattro bambini affetti da sindrome di Down sono nati da madri a cui era stato detto che si trovavano nel gruppo a basso rischio ovvero che le possibilità che succeda una cosa del genere era pari a zero.

A vent’anni di distanza possiamo dire che se il Millenium Bug non ha causato danni catastrofici non fu perché il problema non esisteva o era una bufala, ma perché, seguendo il principio di precauzione, sotto spinta del governo americano che aveva riconosciuto che un singolo governo non sarebbe riuscito a intervenire in prima persona ovunque fosse stato necessario e che il rischio potenziale era troppo elevato per poterlo ignorare, aveva coinvolto tutta la società e altri stati tramite un sistema di cooperazione: era impossibile stabilire a priori quali e quanti danni potevano essere arrecati quindi le istituzioni, mentre si preparavano per ogni evenienza, dovevano informare il pubblico sui rischi, e mettere pressione alle aziende affinché iniziassero una politica per evitare i danni del Y2K.
Anche se non tutti i governi investirono nello stesso modo (l’Italia fu il fanalino di coda nell’Eurozona) la comunicazione e l’allarme di massa aveva funzionate e man mano che si procedeva l’aggiornamento dei software e dei Bios, il rischio si riduceva.
Oggi lo stesso tipo di allarme che vent’anni fa venne dato per il Millenium Bug viene dato per il riscaldamento globale ed il cambiamento climatico: dopo che i tecnici del settore (scienziati, fisici, climatologi, ecc.) hanno per devenni avvertito dei rischi intrinsechi derivati dal climate change anche nell’opinione pubblica si sta sviluppando la preoccupazione per un simile futuro.
Ma mentre per l’Y2K le preoccupazioni erano più tangibili ed economicamente capibili quali il pagamento degli interessi sulle azioni, la sicurezza dei sistemi di difesa statali, la sicurezza dei voli o il corretto funzionamento delle centrali nucleari, per il cambiamento climatico i problemi sono più astratti o a più lunga scadenza e lontani dalla reale percezione.
Se si considerasse il problema del cambiamento climatico come fu considerato alla fine del XX secolo il Millenium Bug sarebbe forse più semplice affrontare risolvere il problema.

C. Pelanda
Esodestini
By C. Pelanda
La relazione tra capitale e inizio della biocibernazione

E’ tempo per il capitale di valutare investimenti sulla biocibernetica o non ancora, in particolare su endo-protesi di potenziamento del cervello? L’avvento di un’Età della “biocibernazione” – nome creato da chi scrive negli anni ’80 - è stato profetizzato già da tempo. Nel 2000 Bill Joe, direttore scientifico di Sun Microsystems, scrisse: nel 2030 le tecnologie dell’informazione, bio e nano si fonderanno generando una speciazione post-umana. Ancor prima Kurzweil lanciò programmi di potenziamento tecnologico delle facoltà umane e di discontinuità evoluzionistica: la “singolarità”. Ma le aziende pronte a mettere sul mercato biochip cerebrali rinunciarono per timore di dissensi che avrebbero compromesso la capitalizzazione iniziale in Borsa. Così come Google interruppe, per problemi di vulnerabilità legale in materia di privacy, la vendita di occhiali costruiti come protesi di potenziamento delle funzioni visive-informative del cervello. L’intento dichiarato da Musk di costruire chip da impiantare nel cervello segnala che ora i tempi sono maturi?
Il potenziale tecnologico c’è. Nei sistemi autoritari la ricerca è più avanzata per l’assenza di problemi di consenso, ma è scarsa la vera libertà di impresa. L’innovazione, infatti, richiede o la guerra o una relazione amplificante tra libertà, tecnologia e capitale e in questi la prima non c’è. Nelle democrazie c’è, ma manca il consenso a causa del conflitto tra tecnica e morale. Chi scrive invocò un gizmo nella testa quando quattordicenne nel 1965 giocava a scacchi ad occhi bendati nel Caffè San Marco di Trieste, all’ombra della più grande sinagoga d’Europa. I limiti del cervello umano, forzati, erano evidenti e frustranti. Nell’evoluzione, infatti, ha avuto successo, finora, la cooperazione tra individui e non il supercervello illimitato. Tuttavia, la complessità crescente dei compiti cognitivi ha bisogno di un secondo cervello ausiliario, un “metagolem”. Ma ciò genera orrore nei più. A meno che non sia capace di salvare, disse allo scrivente un vecchio rabbi di passaggio. Tale battuta mostra la via: trasformazioni della configurazione umana naturale sono accettabili solo se chiaramente salvatrici. Per esempio, controllo di Alzheimer e Parkinson, ripristino di vista e udito, autoriparazioni in generale. In sintesi, si può ipotizzare che i biochip cerebrali possano ottenere consenso solo se chiaramente finalizzati a salvazioni mediche. A tale condizione l’investimento è valutabile in un orizzonte di 10-15 anni. Aperta questa porta poi, come accade da secoli, la morale si adeguerà alla tecnica.

Gallery & Media
 
Lombardi Pelanda
Matteo M.F. Sommaruga
On the other side of Berlin Wall
By Matteo M.F. Sommaruga
An excursion to the mountains

To the early and less enduring snow of late autumn, that year followed abundant precipitations that soon covered with a white mantle the mountains around Munich. It could have been the landscape printed on a Christmas card or the atmosphere depicted by Thomas Mann in many of his novels. Perhaps even Hitler would have taken inspiration for a watercolour. It could have for sure promoted the sale of the frame, although soon to be replaced with some work of better quality. I was getting stressed on the workplace, because of the requests I received by the far too many stakeholders I had interaction with. By the tone and the feasibility of the targets, they also reminded me of Hitler, while shouting unintelligible orders to his generals. They also had the tune of a DDR hymn, so deeply impregnated by optimistic propaganda. We will complete the plan within the next five days, employing a team of four people, two of which on vacation and the other two new hires who have not already received their laptops. Of course I had to be stressed, but I had also to consider that I was paid because of my well renown soft skills, i.e. negotiation and stress management. I actually felt quite unprepared with both of them, but that was not what I wrote on my resumée under the direct supervision of my career advisor. On a wednesday night, after having got home at 1 a.m. because of an extenuating meeting with the whole management of my area, I decided to break the piggy bank and take part to a guided tour on the snowshoes. The local section of the DAV, the German Alpine Club, organized many excursions during the week ends. Unfortunately most of trips were often cancelled due to the most disparate reasons. It was so frustrating that I had already abandoned the idea to become a proficient mountaineer. I had however to try. My good friend Cristoph was away for a long mission related to his job and I also had enough to spend most of my time reading on the web edition of the local newspapers alarming reports about the presence of radical Islam in Bavaria. If I had been a young Pioneer in the DDR times, my supervisors would have for sure approved
such a proof of bravery defying the decadent entertainment of the Western countries. Actually, without a good income, I would have ever hardly been available to buy the necessary equipment and the efficiency of the Warsaw Pact would have made the roads to the mountains quite impracticable if not for an highly sophisticated military vehicle. Perhaps available only to the NATO. I did not want to take care of the opinion of high paid professionals, but just to stay away from the town for a short while. I prepared my backpack carefully, not to be stuck in an unknown place without the essential equipment. Relying on technology, it was not necessary to carry a voluminous luggage. The iPad is good enough to contain all the entertainment I need for several years. While selecting the food and handling a pocket of dried fruit, I realised how such a tendency to condense all the necessary resources for survival has started centuries ago. A long road to innovation, should add the commentary of a boring video on the human evolution. I also felt that my thought lack of ingenuousness. Perhaps I was not reading intensively enough and I was looking for new ideas. Like those you easily pick up from the best renowned magazines and, by quoting, you can easily assert to belong to a restricted elite of intellectuals. I also doubted whether I should acquire my information from alternative resources. The only conclusion was to adhere to any plot theory available on the web. I then realized how honest intellectuals should have felt under the DDR. The choice to believe to the carefully manipulated scientific publications of the University of Lipsia or the option to nourish your brain with not verified notions, partially developed by the mind of an uneducated political prisoner. For the following two days, in the comfort of a wooden building, immersed in a white world, I made a truce with my troubles.

G. Vatinno
Futurizing
By G. Vatinno
Il tempo nella teoria della relativita'

Il Signore è sottile, ma non malizioso (Albert Einstein)

INTRODUZIONE
Prendo lo spunto dal mio libro da poco pubblicato Storia naturale del Tempo.L’Effetto Einstein e la Fisica del futuro  per offrire al lettore alcune considerazioni su un concetto solo apparentemente semplice ed intuitivo. La storia del concetto di  “tempo” è particolare, divisa com’è tra la Fisica e la Filosofia, per non parlare poi della Religione e delle inevitabili citazioni di Sant’ Agostino (che opportunamente evito). Tempo (e spazio) sono esperienze basiche per l’Uomo. Premetto che in questo articolo parlerò esplicitamente del “tempo”, ma che, trattandosi di concetti strettamente correlati, è sempre sottinteso che esiste un’analoga trattazione per lo “spazio”. Considerando poi che utilizzeremo principalmente concetti relativistici ogni qualvolta parlo di tempo occorre intendere lo “spaziotempo”.Ma cos’è il tempo?
Il tempo, intuitivamente è legato a qualche forma di “cambiamento” non strettamente spaziale; anzi potremmo definirlo come la misura di un “cambiamento continuo” e secondo la filosofia senza cambiamento non c’è neppure  tempo.Ma cambiamento di cosa? Cambiamento della posizione del sole e delle stelle, della luna, delle stagioni o, in maniera più raffinata, del proprio stato psicologico, del proprio sentire? Queste considerazioni ci portano naturalmente ad una prima distinzione tra “tempo oggettivo” che è possibile misurare strumentalmente ed è uguale per tutti gli osservatori e un “tempo soggettivo”, che, per sua definizione, non è misurabile (ma confrontabile). In questo articolo vogliamo occuparci più propriamente del tempo oggettivo, cioè di quello che utilizza la scienza.
I modi per misurare il tempo, eventi astronomici, clessidre, meridiane, orologi fanno parte della storia della tecnologia.Per quanto riguarda invece la Fisica il discorso è più complesso perché una vera “Fisica temporale” nasce , in senso moderno,solo con i primi esperimenti e quindi  se si eccettua qualche eccezione greca, con Galileo Galilei.Allora si comincia ad avvertire la necessità di quantificare esattamente il tempo non solo a fini sociali, ma anche appunto più propriamente scientifici e quindi con una maggiore rigorosità.Ad esempio, la nozione di velocità vista come il cambiamento dello spazio rispetto al tempo (e in seguito quella di accelerazione vista come il cambiamento della velocità rispetto al tempo) apre la strada a questa nuova concezione. A ben considerare è proprio l’analisi differenziale di Newton e Leibnitz che propone quello che diverrà poi un vero e proprio paradigma: una visione della Fisica in cui il tempo è  il parametro privilegiato di riferimento a cui rapportare la variazione delle altre grandezze fisiche coinvolte nella descrizione di un fenomeno
 .
Infatti la seconda equazione di Newton, la celeberrima
(1)F = MA
permette di determinare istante per istante la posizione di un corpo di massa M sottoposto ad una accelerazione A una volta nota la forza F e le sue condizioni iniziali. In pratica potremmo dire che tutta la Fisica dal XVII secolo in poi è basata sul concetto di tempo anche se, ad esempio, per l’equazionecosmologico-quantistica di Wheeler-DeWitt (o WdW) si è parlato di “fine del tempo” e possibilità di descrivere una fenomenologia senza ricorrere (almeno esplicitamente) a tale parametro.Ma torniamo al tempo classicamente inteso.Una volta instauratosi nella Fisica grazie a Galilei e a Newton il nostro parametro si rafforzò viepiù nei secoli successivi divenendo uno dei punti fermi della descrizione fisico-matematica dei fenomeni.Infatti, come già accennato,tutto il settecento e l’ottocento è un fiorire di equazioni differenziali ordinarie e alla derivate parziali che lo vedono da protagonista (quasi) solitario.Il tempo è anche il parametro fondamentale (rispetto a cui variano il campo elettrico e magnetico) delle equazioni di Maxwell.E così giungiamo al XX secolo.Questo secolo risulterà, come noto, assolutamente innovativo per la nostra concezione dell’Universo.Infatti, proprio al suo inizio, fanno la loro comparsa due teorie che rivoluzioneranno non la sola Fisica, ma l’intera scienza e anche il modo di pensare in generale della società: la Teoria della Relatività Ristretta (RR), la Teoria della Relatività Generale (RG) e la Meccanica Quantistica (MQ). Per quanto riguarda il tempo la MQ lo vede come un paramentodi evoluzione di un sistema,  importante  ma non così determinante come è invece nella Fisica newtoniana; infatti per l’equazione di Schrödingerè più importante conoscere gli auto-valori dell’energia che la sua evoluzione temporale. Completamente diverso è il caso delle Relatività: infatti in esse il tempo cessa di essere solo un parametro evolutivo per divenire il centro dell’interesse stesso della teoria.Possiamo dire,  che con le teorie di Einstein, il tempo diviene attore primario della Fisica non solo come parametro evolutivo , ma anche come “oggetto” del sapere stesso (e quindi acquisisce una dimensione filosofica ontologica, ma supportata da elementi quantitativi). Come noto, a partire dalla RR del 1905 lo spazio e il tempo smettono di essere enti separati per divenire un concetto unificato: lo spaziotempo (senza trattino) che compie il “miracolo” di unire grandezze che fino ad allora erano state considerate come completamente separate. Lo spaziotempo fa il suo ingresso nella RR ed è il portato matematico delle equazioni di trasformazione di Lorentz che “mischiano” appunto sia il tempo che lo spazio in un tutto unico.Lo spaziotempo della RR è, come noto, “piatto” o pseudo-euclideo (l’aggettivo pseudo è riferito alla distanza non definita positiva nello spaziotempo di minkowski) mentre lo spaziotempo della RG, completata nel 1915, è “curvo” (ed è incurvato, sostanzialmente, dall’energia/massa).
Il fatto di aver promosso, nelle Relatività,  lo spaziotempo a protagonista della Fisica apre scenari assai interessanti ed intriganti.Come il moto è “relativo” anche il tempo e lo spazio sono relativi e quindi cessano di essere concetti “assoluti” come li considerava Newton e tutta la Fisica fino ai primi anni del novecento.E se sono concetti relativi possono avere valori diversi a seconda dei diversi osservatori, in moto, in “quiete”, accelerati o sottoposti ad un campo gravitazionale. Dunque questo apre la strada ad un filone che inizialmente fu guardato con sospetto dai fisici professionisti: quello dei “viaggi nel tempo”.Ormai, dopo che se ne sono occupati fisici del valore riconosciuto come Kip Thorne, Roger Penrose, Paul Davies e (anche se criticamente) Stephen Hawking la materia pare definitivamente sdoganata.Infatti è sperimentalmente noto che il tempo “rallenta” per un osservatore in moto rettilineo uniforme rispetto ad un altro (ma la cosa è reciproca!) e che il tempo rallenta per  chi si trova immerso in un campo gravitazionale. Da notare come l’effetto sia reciproco in RR –tra i due osservatori inerziali-, cioè per tutti e due il tempo rallenta, ma non lo sia in RG dove per l’osservatore in un campo gravitazionale il tempo rallenta (rispetto a quello esterno), ma per quello esterno il suo tempo accelera. In questo articolo dunque ci occuperemo solo del tempo relativistico; tuttavia, in Fisica, esiste un altro interessante modo di studiarlo (e definirlo) e cioè quello della termodinamica e della “freccia del tempo” indicata dal Secondo Principio e quindi dall’aumento dell’entropia.
IL TEMPO NELLA TEORIA DELLA RELATIVITA’ RISTRETTA
Nella RR il tempo scorre diversamente per due osservatori inerziali in moto uno rispetto all’altro. Come già detto, proprio l’essenza stessa della Relatività impone che tale fenomeno sia reciproco e simmetrico.L’osservatore considerato in moto (ripetiamo che si tratta sempre di una scelta di pura convenzione) avrà sempre un tempo che scorre più lentamente e precisamente:
(2):::Desktop:785822ad0d53c17c04fd8f1008b38743.png

Dove Δt è l’intervallo di tempo misurato nel Sistema di Riferimento in cui è l’orologio è in quiete (tempo proprio)  e Δt' è l’intervallo di tempo misurato nel Sistema di Riferimento in cui l’orologio si muove con velocità v. Dunque risulta che in OGNI Sistema di riferimento il tempo “scorre più lentamente” perché il fattore gamma per v < c è sempre maggiore di 1 e quindi Δt' > Δt (la durata è maggiore).
IL TEMPO IN RELATIVITA’ GENERALE
La RG nasce per ampliare a tutti gli osservatori (anche a quelli in moto accelerato e non solo rettilineo uniforme, come avviene in RR) l’invarianza delle leggi della Fisica.Facendo questo lo spaziotempo pseudoeuclideo della RR diviene una varietà di Riemann curva.Lo strumento matematico atto a studiare tale geometria (differenziale) è il calcolo differenziale assoluto di Levi-Civita e Ricci-Curbastro.Applicando tali strumenti Einstein (ed Hilbert che però gli riconobbe la primogenitura) giunge a scrivere le famose equazioni di campo  che sono:

(3)image
ove:
image è il tensore di curvatura di Ricci, image è un numero detto curvatura scalare,  image è il tensore metrico (che servirà poi, una volta sostituito nelle equazioni del moto a determinare la dinamica), image è un termine chiamato “costante cosmologica” è che fu introdotto e poi tolto (ed oggi rimesso) nelle equazioni di campo da Einstein per ottenere un Universo in equilibrio,  image è il tensore energia-impulso, c la velocità della luce e G la costante di Newton, π è il rapporto tra la lunghezza della circonferenza e il diametro.
Le (3), dal punto di vista puramente matematico, rappresentano un Sistema di equazioni differenziali alle derivate parziali, non lineari, nelle componenti del Sistema metrico image e in 4 variabili indipendenti (x,y,z,t).Poiché si può scegliere, senza perdere di generalità, il tensore metrico in modo che sia simmetrico, delle 16 componenti originali (4X4) ne restano solo 10 indipendenti-
Una volta trovate le funzioni incognite occorre risolvere le equazioni del moto che sono date dalle geodetiche della varietà di Riemann e cioè:
image
(4)
dove:
le x sono le coordinate del punto in moto e le quantità Γ sono legate proprio ai valori della metrica  imagedeterminata dalle equazioni (3).
In RG si possono utilizzare diverse formule per calcolare le dilatazioni temporali.Esaminiamo diversi casi:
I) Per un osservatore in moto accelerato uniforme (che, grazie al Principio di equivalenza) è identico ad un campo gravitazionale localmente uniforme) si ha:
(5)image
dove g è l’accelerazione (costante), h è la distanza tra un osservatore accelerato (o in un campo gravitazionale equivalente) e un osservatore in quiete (o in assenza di campo gravitazionale), c la velocità della luce.Quindi per un osservatore in moto accelerato (o in un campo gravitazionale) il tempo rallenta mentre, viceversa, per un osservatore in quiete (o in assenza di campo gravitazionale), il tempo accelera.
II) Nel caso invece gravitazionale di una massa m non rotante e di raggio r, utilizzando la metrica di Schwarzchild, si ha:
(6) IMAGE
dove t’ è il tempo misurato all’interno del campo gravitazionale (“tempo proprio”), t è il tempo misurato all’esterno del campo gravitazionale, r la distanza dal centro di massa, m la massa che genera il campo gravitazionale, c la velocità della luce nel vuoto e G la costante di gravità.

 

 

La (6)  sviluppata al primo ordine dà:

 

(7)IMAGE

dove IMAGE è il cosiddetto raggio di Schwarzchild
Nel caso della (7) la formula non è “invertibile” tra i due osservatori, interno ed esterno al campo gravitazionale, come è invece la (2).
Naturalmente anche le lunghezze sono contratte sia in RR che in RG e precisamente valgono le:
(8a)image

 

(8b)IMAGE

CONSIDERAZIONI GENERALE SULLA DILATAZIONE TEMPORALEE SULLA CONTRAZIONE SPAZIALE
Occorre soffermarsi su un altro punto della questione; la dilatazione temporale in RR è , in un certo senso, meno intuitiva da capire di quella in RG. Infatti, in RR la contrazione ha natura sostanzialmente cinematica, mentre in RG si tratta di una vera e propria deformazione geometrica dello spaziotempo. Dunque si tende a capire più facilmente il fatto che le masse contraggano lo spazio e dilatino il tempo proprio perché è la struttura geometrica stessa che subisce deformazioni cosa che non è altrettanto evidente in RR.
I VIAGGI NEL TEMPO
I viaggi nel tempo sono un tema molto di frontiera della fisica contemporanea e –possiamo dirlo-sdoganati da poco grazie all’interesse di fisici molto influenti come Stephen Hawking, Kip Thorne, Paul Davies,Roger Penrose (per citare i più rilevanti) anche se un esempio matematico completo fu scoperto nel 1949 dal logico Kurt Gödel .Tale possibilità deriva proprio dal fatto che grazie alle formule precedenti la durata temporale degli osservatori in moto e sottoposti alla gravità sono differenti da chi non  le sperimenta.La RR permette viaggi nel futuro (tralasciamo le possibilità teoriche di comunicare con i tachioni) mentre la RG permette viaggi nel passato e nel futuro (nel caso di loopspazio–temporale in cui però si può tornare indietro nel tempo fin solo al momento della creazione della macchina oppure al momento della creazione naturale del loop; questo, curiosamente, segna anche una differenza rilevante tra la possibilità di accedere ad un futuro virtualmente illimitato ed un passato invece limitato).I viaggi nel tempo dunque sono teoricamente possibili, ma restano da esaminare due aspetti di essi; il primo è la generazione di paradossi quando si ammette la possibilità di tornare/comunicare col passato e la seconda è la fattibilità tecnologica di questi viaggi. La problematica tecnica è solo una questione di tempo e risorse mentre quella dei paradossi è particolarmente complessa. Il paradosso principale che sorge è chiamato “paradosso del nonno”.Un crononauta torna nel passato e uccide suo nonno.Ma se lo uccide non può essere nato e neppure tornato ad ucciderlo.Spiegazioni proposte sono principalmente due.La prima fa ricorso alla MQ e specificatamente alla Interpretazione a Molti Mondi di Hugh Everett III; quando il viaggiatore del tempo uccide il nonno l’universo si separa in due storie: in una il nonno è effettivamente ucciso e nell’altra no.Dunque il viaggiatore si troverà nel secondo universo e non ci saranno contraddizioni logiche.La seconda spiegazione è il principio di autoconsistenza di Novikov; il crononauta torna nel passato tenta di uccidere il nonno, ma un passante si frappone e rimane ucciso al posto suo.Il “nipote” ricorda che il nonno gli narrò questa esperienza e come un passante gli abbia involontariamente salvato la vita.
CONCLUSIONI
Il tempo forse ancor più dello spazio ha sicuramente un fascino particolare per l’Uomo; la Relatività ci ha mostrato che esso non è immutabile, ma che anzi esso può essere alterato utilizzando la velocità, l’accelerazione o la gravità cioè grandezze fisiche ben note. La logica e la Meccanica Quantistica ci offrono anche delle possibili soluzioni ai paradossi che inevitabilmente si generano in queste situazioni. La tecnologia in un lontano futuro forse potrà costruire macchine che realizzino questo antico sogno dell’Uomo: il controllo del tempo.
BIBLIOGRAFIA
Davies P., Come costruire una macchina del tempo, Mondadori, Milano. 2003.
Dorato M., Che cos’è il tempo? Einstein, Gödel e l’esperienza comune, Carocci editore, Roma, 2013.
Haidegger M., Essere e Tempo, Longanesi, Milano, 2005. 
Hawking S., Penrose R., La natura dello Spazio e del Tempo.Come capire l’incomprensibile., Biblioteca Scientifica Sansoni, Milano, 1996.
Orilia F., Filosofia del tempo.Il dibattito contemporaneo, Carocci editore, Roma, 2012.
Thorne K., Buchi neri e salti temporali.L’eredità di Einstein, Castelvecchi, Roma, 2013.
Vatinno G., Il Nulla e il Tutto.Le meraviglie del possibile, Armando Editore, Roma, 2012.
Vatinno G., Storia naturale del Tempo.L’Effetto Einstein e la Fisica del futuro, Armando Editore, Roma, 2014.

Questo è vero per le equazioni differenziali ordinarie della dinamica newtoniana (corredate di condizioni iniziali), ma anche per le equazione alle derivate parziali (corredate di condizioni al contorno) della conduzione del calore e delle onde, che coinvolgono contemporaneamente le variabili spaziali e temporali.

In realtà il tempo c’è ma è “nascosto”; infatti, il funzionale d’onda non contiene esplicitamente il tempo in una geometria dello spaziotempo “congelata”, ma il tempo stesso compare appena ci si chiede quale sia la probabilità di trovare un’altra geometria a partire da quella iniziale.

Risolvendo le equazioni di campo di Einstein per un sistema fisico rappresentato da un fluido perfetto rotante con una velocità costante Gödel trovò una particolare metrica che genera delle strutture chiamate CTC (Closed Timelike Curve) che permettono di raggiungere zone del passato semplicemente spostandosi su traiettorie spaziali.

L. Borgiani
Savage Light
By L. Borgiani
Luminescence - Light trace

IMG

Lumen In the Lumen series various aspects of light are explored in separate bodies of work. The aim is to let light reveal itself. The first body of work (Luminescence) primarily investigates light using electroluminescent (EL) wire. A current is passed through a copper wire causing the surrounding phosphor coating to emit light. The wire was wrapped around/within custom-made costumes worn by the model. The model's movements were then recorded, introducing a kinetic element. Images were also made using opaque and transparent mannequins. The second gallery (Light Trace 光 のトレース) results from a two day collaboration with Tokyo-based light artist/ fashion designer, Erina Kashihara. Light emitted from within clothing and accessories combined with directed movements clothe the model within traces of light. Michael is currently working on thousands of light images for future exhibitions. He welcomes collaboration with all artists working with light.

Luminescence La prima serie di fotografie si concentra principalmente sulla luminescenza. Questa serie fotografica osserva la luce soprattutto attraverso un filo elettroluminescente (EL wire). La corrente passa attraverso un filo di rame ricoperto di fosforo e provoca l'emissione di radiazioni luminose. Questo filo è stato incorporato in una serie di costumi realizzati per l'occasione e indossati da una modella. I movimenti della modella sono stati poi fotografati, introducendo così un elemento dinamico. Altre immagini sono state create usando manichini opachi e trasparenti. Light trace -Il materiale è il frutto di una collaborazione durata due giorni (novembre scorso a Londra) con la stilista e artista di luci Erina Kashihara che vive a Tokyo. IMGOgnuna delle sei opere della Light Mode Art di Erina è accompagnata da una fotografia statica seguita a sua volta da una serie d'immagini di giochi dinamici di luci. La luce diventa il filo conduttore tra arte e moda.

More info: LIGHT FOR ART

Website: www.michaeltaylorphoto.com

L. Rossi
Piano Tuning
By L. Rossi
Memories and Light

 

The work of Lisa Borgiani “Memories and Light” is a musical video trip around various capitals in the mid-east (Jerusalem, Istanbul, Teheran).
From here the idea to compose original music on the instant, developing and searching in the most ancient traditions a sense of continuity but mostly of newness. Light, symbol of union and hope, is the protagonist of our trip.

Il lavorodi Lisa Borgiani "Memories and Light" è un viaggio video musicale attraverso alcune città del medioriente (Gerusalemme, Istanbul e Teheran).
Da qui l'idea di comporre istantaneamente musiche totalmente originali con influenze mediorientali, sviluppando e ricercando nelle tradizioni più antiche un senso di continuità ma anche di novità.
La Luce, simbolo di unione e speranza, è protagonista di questo nostro viaggio.

BIOGRAPHY

I was born in Perugia in 1987 where I have studied piano at the public school of music in Castiglione del Lago for one year. The collaboration with the music master Mauro Grossi from Livorno me into the wide environment of armony and improvisation for four years. In 2011 I won the Prize "intuizione e ispirazione, dolci melodie nell'aria". I did various concerts in Livorno, Castiglione del Lgo, Città della Pieve and Chianciano. For many years I have been working with the artist Lisa Borgiani at the music devolopment of her projects. I have studied jazz, gradually changing from the popular origin of american music to the discovery of the rural european musical charachter. From the balcan music (Romania, Serbia, Bosnia, Zigana in their different varying) to the portugues music (fado), irish and scottish, developing my passion for the mittle-european jewish music (yiddish) and middle-east after in its different music shapes.

Sono nato il 10 gennaio 1987 a Perugia e ho iniziato lo studio del pianoforte presso la Scuola di musica comunale di Castiglione del Lago proseguendo per un anno. 
L'incontro con il maestro Mauro Grossi di Livorno mi ha guidato per 4 anni nel vasto ambito dell'improvvisazione e dell'armonia. 
Nel 2011 ho vinto il concorso "intuizione e ispirazione, dolci melodie nell'aria".
Ho tenuto concerti a Livorno, Castiglione del Lago, Città della Pieve e Chianciano. 
Da tempo collaboro con l'artista Lisa Borgiani per lo sviluppo musicale dei suoi progetti.
Studioso di jazz, sono passato gradualmente dalle origini popolari della stessa musica americana fino alla scoperta dei vari caratteri musicali rurali europei. 
Dalla musica balcanica (romena, serba, bosniaca, zigana nelle sue varianti territoriali) alla musica portoghese (fado), irlandese, scozzese, italiana (pizzica, taranta, canti popolari), spagnola e russa, approfondendo in particolar modo la musica ebraica mitteleuropea (yiddish) esuccessivamente la musica mediorientale nelle sue varie forme musicali.

lorenzorossi1987@gmail.com

Follow me on fb
Follow me on fb (2)

You Tube

© The Unedited
contacts: info@theunedited.com
Vat:03983070230