x
TITOLO


      whatsapp

Free space for free expression in english & italian

Established
1999
Managed by
F.Brunelli

The Tennessee Walker
The Tennessee Walker
By The Tennessee Walker
Hillary 2.0?

I predict Hillary Clinton will become the Democratic Party’s presidential nominee at the July 2020 DNC convention. However, Trump will ultimately win re-election in November.

 

            The most important thing to know when analyzing national elections in the United States is that there is an “establishment” wing of the Democratic Party and a “grassroots” wing. This dichotomy is true of the Republican Party as well. The generally successful strategy for candidates is to hold extreme policy positions during the primary season to generate grassroots support, then shift to a moderate policy platform in the general election to attract independent voters. Candidates have to appear credible to both constituencies (establishment and grassroots) while managing the policy shift from extreme-to-moderate.

           

The candidates

 

Elizabeth Warren had a dramatic surge in the polls during the Fall of 2019. She was drawing crowds of over 10,000 people to her campaign events. Warren’s main platform is economic populism, which she articulates very well and which resonates powerfully with the Democratic base. The problem? Elizabeth Warren’s brand of economic populism does not resonate with the Party’s donor class, the “establishment”. Even as her popularity surged among the party’s base, the large donors and corporate elite, who would not benefit under Warren’s policies, withheld support. Warren lost momentum and she has fallen in the polls ever since.

            Bernie Sanders has had a consistently popular democratic socialist platform and his poll numbers are challenging the frontrunner, Joe Biden. Bernie does not have the support of the donor class, but unlike Warren, he does not need it. In the last 3 months of 2019, Bernie Sanders raised $34 million from 1.8 million donations, with the average donation being $18. The donor class does not like his anti-capital positions and many in the Democratic Party do not believe (perhaps mistakenly) that he can win in the general election due to his democratic socialist platform. Most importantly, Sanders is 78 years old, and his health is an issue - he had a heart attack on October 1, 2019.

Joe Biden is often considered the perfect candidate. He is beloved by the grassroots for his “folksy” manner and by the donor class alike. He has a long political history and is therefore a predictable choice for the establishment. However, his cognitive abilities have severely deteriorated. He has clear neurological problems and is struggling. It really begs the question, why is the Democratic Party running a 77 year old man with clear cognitive impairments as its frontrunner? More on this later.

            The other candidates are interesting but not likely to gain meaningful traction. Bloomberg is notable for his business prowess and deep financial reserves and relationships. However, after spending $300 million on advertising, his poll numbers barely improved. He simply does not have the charisma to run a successful national campaign. Some analysts have surmised that he is running to insert Gun Control more prominently into the national debate. Regardless, for our purposes, he is not relevant. If he pre-announces a vice presidential running mate with charisma, he could possibly create a compelling candidacy.

Buttigieg is well-liked among the younger generation of the donor class (Silicon Valley) but he struggles with the base. He has a peculiar establishment background (Harvard, naval intelligence, Mckinsey, etc.) and his father founded the International Gramsci Society. It is an interesting plot line and could gain traction given his powerful allies, but probably not relevant to the final election outcome. Tulsi Gabbard is notable as a veteran and for her anti-war platform which resonates with the base, but the establishment is adamantly against her platform and independent streak. Andrew Yang is a highly intelligent and independent candidate, which is interesting in terms of what his candidacy says about the base, but he is most likely irrelevant for the 2020 final outcome.

 

“Super Delegates”

 

The Democratic Party has a primary system that includes “super delegates”. Voters in the Democratic primaries cast their vote at polling locations throughout their state. The state Democratic Party then awards state delegates to the candidates proportionally, according to how many votes they received. The state Party sends those delegates to the national Democratic Party convention where they are “pledged” to vote according to the state vote tallies for each candidate. Super delegates also represent the state at the national convention but they are unpledged delegates, i.e. not bound by the results of the state’s primary voting. Super delegates can vote for any candidate they choose at the national convention.

For instance, in the 2016 Iowa caucuses, 704 local delegates (representing primary voters at the state level) voted for Hillary Clinton while 700 local delegates voted for Bernie Sanders. This resulted in Clinton having 23 pledged state delegates from Iowa for the DNC national convention and Bernie Sanders having 21 pledged delegates. However, 6 “super delegates” sided with Clinton giving her a total of 29 delegates from Iowa for the national convention. In 2016, 85 percent of super delegates supported Hillary Clinton.

In 2016, Debbie Wasserman Schultzs, chair of the Democratic National Committee (the governing organization of the Democratic Party), actually stated in an interview, “Unpledged delegates exist to make sure that party leaders and elected officials don't have to be in a position where they are running against grassroots activists.” Due to broad anger in the Democratic Party’s base about what was perceived as a bias in the establishment’s favor, the Party changed the rules such that super delegates only come into play if the national convention becomes a “brokered convention”.

 

A “brokered convention”

 

A “brokered convention” simply means that if no candidate has a clear majority of votes after the first ballot at the DNC national convention in July, there is a second round of voting. For a candidate to win the Democratic Party nomination during the first round of voting, they have to receive 1,919 delegate votes. With at least three strong contenders (Biden, Sanders, Warren) and others rising, there is a real possibility of no candidate receiving that minimum number of delegates.

After heavy criticism over the role of super delegates in the 2016 election, the DNC changed its rules in 2018 such that super delegates can only play a role in a second round of voting at the national convention. So conceivably, no current candidate wins on the first round of voting. At that point, it becomes a brokered convention, and all delegates that were previously pledged to one candidate are “released” and can vote for whomever they choose. In the second round of voting, an entirely new candidate can enter the race.

Such an unstable scenario allows Hillary Clinton to enter the field as a “savior” from the chaos. Hillary still has a strong grip on the DNC and is actively participating in meetings, according to sources that have been on DNC conference calls. Tulsi Gabbard called this out in October, “From the day I announced my candidacy, there has been a campaign to destroy my reputation. We wondered who was behind it, and now we know… I challenge her [Clinton] to come out from behind her proxies and powerful allies in the corporate media, and face me directly.” Hillary Clinton went so far as to state that Russia is “grooming” Gabbard as a third party candidate and said, “She [Tulsi] is the favorite of the Russians.” More recently, Hillary Clinton has been attacking Bernie Sanders in the press. So Clinton has been shaping the race from the beginning.

The benefit of a brokered convention for Hillary Clinton is that it looks organic and she can avoid the accusation of 2016 - that she rigged the nomination process against Bernie Sanders. Also, if nominated in July, her candidacy would be only 3 months long. Much of the negative press that plagued her public life would not have sufficient time to gather speed. Also, such a short period would be much easier on her health which was called into question during the 2016 race.

The fact that the Democratic Party and its media allies continue to push Biden as the frontrunner is conspicuous. It is an interesting question as to whether Biden was placed in the primaries intentionally to split the vote and allow for a brokered convention. Hillary understands how unpopular she is among American voters and by having Biden represent the establishment throughout the primaries, she keeps Bernie Sanders from getting the required 1,919 delegates at the convention and effectively bypasses all of the drama and close examination of the primary season.

 

The Clinton strategy

 

            Hillary Clinton will use the next 6 months to shape her image as someone who can act as a “savior” from the chaos and beat Donald Trump. The line will be, “you may not like me, but I’m effective”. Her DNC and media allies will be pushing a message of “anyone but Trump”.

        For her savior image to work, she will need a voting base that is (a) destabilized via the brokered convention and (b) desperate for a savior that can defeat Trump. Over the next months, she will try to avoid the appearance that she is preparing to enter the race at the convention, but it will be difficult. She will also try to balance support for the frontrunners (currently Biden, Sanders, Warren), using her corporate media allies, so that no candidate gets a majority at the convention in July. That will primarily entail her and her allies attacking Bernie Sanders who is the clear frontrunner for grassroots voters.

Then, if Hillary Clinton becomes the candidate in July, she will utilize her allies in the mainstream press to keep the attention on Trump. The mainstream media is already a massive echo chamber with 93% of news being negative toward Trump. Hillary will run on an “anything but Trump” platform and will limit the news flow about herself or her campaign. She will utilize her allies in Silicon Valley and the mainstream press to actively shape the news flow.

There is a new documentary coming out about Hillary Clinton in March, and the first look reveals an honest message of “yes, I am a divisive leader, and I know it’s hard to like me”. So in this first stage, she will acknowledge the problems of her past candidacy and public life. In the next stage, that vulnerability and honest assessment will be followed with a “So what? The Party is in disarray and it needs me.” The tone and presence of her “stealth” candidacy will become more strong and ruthless as we approach the July convention. Her strategic goal is for strength to be more important than likability at the convention.

           

The prediction

 

I predict that Hillary Clinton will become the Democratic nominee, but Trump will win again in the November 2020 election. The support among his base has only increased since 2016. Tens of thousands of voters are still flocking to his rallies, sometimes waiting 20 hours in freezing temperatures to get inside.

The attacks on him so far have been unsuccessful. “Russia Gate” - accusations that Trump colluded with Russia to win the 2016 election - led nowhere. In the wake of the November impeachment hearings over dealings with Ukraine, Trump’s approval numbers actually increased. The public’s reaction to the impeachment was largely indifference, despite the mainstream press and Democratic leadership trumpeting that “the fate of our democracy hinges on this moment”. Currently, the Senate is holding a trial after receiving articles of impeachment from the House of Representatives. Trump’s approval rating rose 3 points during the trial’s first week.

            The US public is experiencing “Trump fatigue” and shrugs off every controversy the Democratic party tries to pin on Trump. The establishment wing/ Clinton team would like to believe that 2020 is different, but the public will simply see a Clinton versus Trump matchup in the exact same light as 2016. In addition, Bernie Sanders supporters will be even more enraged in 2020 and even less likely to vote for Hillary Clinton in November.

 

How Trump could lose

 

There is one main scenario where Trump loses and that is if the United States enters recession prior to the election in 2020. That currently appears unlikely, although there are signs that we are nearing the end of this business cycle. For instance, the unemployment rate is at a record low. We have a robust economy with no slack in the labor market. At the same time, consumer debt defaults are rising. Historically, there is a significant lead time from when consumer defaults start rising and the unemployment rate turns up again leading into a recession so it appears unlikely in 2020.

            The economic environment seems similar to the wage-push inflationary environment of the mid-1960s. Inflation was just starting to pick up, but no one knew it or felt it. Trump voters may be losing ground due to this burgeoning inflationary environment, but they don’t recognize it. Inflation starts out as a stealth problem. Ironically, that is helpful for Trump who only needs voters to feel good for the next 10 months.

            There will be other attempts to stop Trump - accusations of sexual misconduct, corrupt business dealings, abuse of executive power - but none of these have worked so far. If Trump’s actions in Ukraine and Iran are any indication, he has so far been effective at thwarting geopolitical sabotage efforts (i.e. Kerry back-channeling with Iran).

            There is one other outlier that has to be considered. Voter fraud and outright election fraud are very real problems. Consider the fact that some California counties reported more votes than there are registered voters. So Trump could be defeated with an orchestrated and targeted Election Fraud strategy - whether via the electronic voting machines or through actual physical voting. In several key swing states, he only won by several thousand votes so it is a real possibility. There is also the impact of Silicon Valley’s grip on social media. The prominent research psychologist Dr. Robert Epstein has estimated that Google was able to shift between 3 and 10 million votes to Hillary Clinton during the 2016 election via manipulating search results.

 

The fight for the American Empire

 

            There is a loose constellation of corporate and political interest groups that protect the American Empire’s structure, which allows for leveraging American financial and military power globally to establish advantageous trade regimes and political unions. This worked for awhile, but now the American public can no longer bear the burden of the Empire.

      In the course of setting up and defending this structure, many “globalist” agents set up what are essentially toll booths along the frontier of the empire. If foreign partners want into the imperial core, or internal actors want outside, they have to pay the toll to these globalist operatives. Over time, the loyalty of these operatives to the United States has come into question. Trump is part of a group that is loyal to the United States and trying to rebalance the American Empire. These “toll keepers” are not happy about it.

         For instance, he boasts of Saudi Arabia paying $1 Billion for more troops. He wants countries to pay to host American troops and bases. He wants NATO members to pay more. He wants to renegotiate trade agreements. He wants Europe to buy American energy. Every foreign policy initiative by Trump can be reduced to this rebalancing effort.

The American public doesn’t fully understand this strategic shift, but they intuitively grasp that Trump is trying to do something different than the “globalist” status quo and so they vote for him, even if they don’t like him as a person. There are many different “deep states” and “globalists” in the US. Trump represents a nationalist brand with its own military, intelligence, corporate and financial assets. The group working with Trump has no choice but to exercise all available resources to ensure he wins the 2020 election.

In January 2016, I predicted that Trump would win because he presented the most compelling case for rebalancing the American Empire. I predict he will win again.

Matteo F.M. Sommaruga
In Frankfurt like Heidi, in Zuerich like Lenin
By Matteo F.M. Sommaruga
Sunday May 30th

Sunday May 30th on a train to Zurich

I spent a weekend in Milan, since the life in Zurich is astoundingly lonely. The fashionable ladies I used to attend are now deceased. I cannot even trace the burial of many of them. I recollect few faces, sometimes by strolling alone around the town and spotting the name of a friend on a street placard. Most of them called writers, artists, painters or even philanthropists. They looked to me all the same, untalented privileged people who enjoyed my entertaining conversation. They perhaps also felt guilty for the sums lavishly employed by their husbands to compliment them with expensive jewelry and cars. Not really seriously, they would have otherwise financed my revolutionary purposes or I should have not accepted the Kaiser’s support to come back to Russia.

Someone told me that in Milan I would have more easily found the understanding of the local authorities, they would have allowed me to openly proclaim the revolution in exchange of that few thousands of francs needed to find an accommodation. I am not impressed by the XXI century figures. I used to spend the same amounts, back in 1917, without taking in account the inflation that occurred along the years. I always had an elegant taste, the finest among my revolutionary circle, and it was really expensive to satisfy it. I did not even consider a compromise the idea to mix up with the so hatred bourgeoisie. In the end that is my milieu and I would not find myself so much at easy with the lowest social classes. That is perhaps the reason why I never totally trusted Stalin. He was such a plebeian, someone who had to become a seminarist in order to get some free education. Not even of the best level. Stalin was however brilliant, I am collecting more information about his extraordinary success and I would have had no doubt. He had the instinct of a killer, he was ruthless, he had all the energy to achieve the greatest goals. I felt the same when I spoke in front of the people, when I had to fight against the other members of the central committee. When I was alone, and had to meditate about the revolution, I most of the time enjoyed a cup of tea with honey and milk. As well as some pastries.

Sunday May 30th A train from Milan to Frankfurt

What a busy days I had in Milan, and I still need to go back to Frankfurt by train because of a really needed stop in Basel. I am feeling art fairs fatigue, but how else could I get acquainted to new customers? There are some fashionable social networks, but the more exclusive they pretend to be, the higher is the chance to meet up with fake profiles. They just pretend to have money to spend or be interested in my field of business, they do not want anything else than my WhatsApp and a date. That sometimes I am however happy to concede, despite I am aware that it will have no follow up. I just need to be sure not to arrange anything with students, who just disappear when the waiter comes with the bill. That I find really outrageous, because I cannot really stand men who are not generous and want to split the bill. I can even less tolerate those who do just want to get a free dinner. There are many other ways to obtain that, the best one it is by attend Art Basel, in Basel, Miami or wherever. Just by being invited to the parties, it is a good way to spare on the expenses. Especially when the expenses are not backed by a main institution. When I left the village, I had to learn how to survive a University Campus. The tactics I learn there, helped me to survive when I was not anymore eligible for students benefits and rent a studio apartment in one of the most expensive financial capitals. Also Milan was not cheap, and I cannot figure out how most of the so called professionals with the proletarian Italian-Income can manage to have a decent life. Perhaps they just invest most of their money in few fashionable clothes, carefully hold the same mojito for a whole night and pretend to have spent holidays in some fashionable resorts. That sort of a metropolis has become one of the worst places where to do business. If someone shows up to not to have the money, even after having signed a formal contract, it is almost impossible to claim any right. Luckily even lawyers are in desperate need and they usually work cheap. Especially if you are a gorgeous blondie and you exploit their sexist ego. I am not so dissatisfied by the inadequate leftist ruling class either. They selected the perfect combination of laws to asfissiate the art market and still let some holes open to export the most interesting devaluated artworks. If I were an old widow, who hoped to guarantee her rent with the beautiful paintings she had at home, I would be extremely angry, but I am a young and brilliant foreigner who knows how to exploit these circumstances at my advantage. My contact in Basel shall help me, it is such a shame that I cannot do everything alone and need to split the cake.


Sunday May 30th 2021 On a train from Milan to Lugano

I luckily managed to get the full expenses for the weekend I spent in Zurich, and the one I spent in Geneva. I exceeded my budget far more than expected. Perhaps it was also due to a couple of über art collectors I dined with. I do not like that word über, that Americans find so fashionable, yet I need to follow the trends also with my writings. Perhaps I will end up with a strange relationship with some acquaintance met in an Assouline store. A place that I also detest, I do not like those kind of fashionable art editions printed to allow affluent Chinese and Arab customers to justify some expenses in culture. If I were free to choose, I would wonder around Cologne, looking for the shop of a local printer. Cologne has already developed a couple of international well sounded successes in the matter of art editions. I do not doubt that something more shall come out soon, during the next few years. I am reading here and there about these NFTs art editions, art totally virtualized, to enhance the meaning of art as a unique creation. It is just a piety that I cannot adopt NFTs as pieces of interior design. Unless I shall set up some multimedia installation, a work of art by itself I will also contribute to. Perhaps it is the only way to me to truly express myself while providing a client with my service. Most of the time I need to give a look at expensive objects on 1stDibs, take in consideration the given budget, add to that between 20 and 50%, and make my proposal. The increased budget is just something that the client does not expect, but that makes him, or in most of the cases her, happy. They feel empowered to lavishly spend on something unnecessary, with the additional illusion that they are doing a brilliant investment. By the time they shall be dead, most of the objects they have purchased will just be out fashioned or in such a bad condition that shall hardly be accepted by a self respecting auction house. Just few possess the skill to anticipate the market. I could try to influence them, but they would just be left unsatisfied and I would loose my client, as well as my reputation. The train has moved faster than I expected and I have not been bothered by the borders control. It is time to move on.

G. Zincone
Zinconeide
By G. Zincone
“Drenare la pozzanghera”
Pseudoeconomie nella recessione: profitti Covid-indotti.

Utilizzo la metafora come segno di riferimento alla cultura tradizionale cinese, modalità ripresa anche nelle espressioni tipiche delle dottrine maoista e successive.

La durata della pandemia e le conseguenze nella società e nella economia sono oggetto di plurime analisi.
L’approccio UE e italiano ha mostrato fallacie nascoste ai soli occhi di chi attinga esclusivamente ai media dominanti in Italia.
Altri approcci di tipo empirico (UK e USA) sono stati criticati ma non si sono rivelati meno efficienti.
In Italia i media dominanti hanno concentrato quasi esclusivamente l’attenzione sulla evoluzione nel tempo dei dati pandemici, scartando punti di vista minoritari ma sempre presenti di osservatori economici fondati (Musso, Marsonet).
In questo sistema rituale si è inoltre sacrificato il complesso delle libertà individuali a un interesse collettivo determinato probabilisticamente ma asserito come assoluto.

Lascio questi aspetti, che condivido per formazione culturale, e mi concentro su una ricaduta economica.
Posta la condivisione del pensiero di Tremonti, che da tempo ci vede Nazione manifatturiera senza dominante vocazione finanziaria, rilevo quanto segue:

1) il calcolo del PIL appare basato su fattori irrealistici, là dove la produzione di reddito viene simulata da una circolazione aumentata del reddito prodotto lungo filiere di servizi il cui valore aggiunto è dubitabile;
2) la contrazione da pandemia del PIL effettivo (beni prodotti, esportati, aumento del valore aggiunto) è verosimilmente superiore a quanto proposto;
3) un singolo settore economico di nuova comparsa è invece esploso a seguito della pandemia.

A fronte di un indebolimento strutturale interno e nelle relazioni esterne della Nazione, ben nascosto dalla ovvietà del sistema pandemico, è rigoglioso un sistema economico parallelo correlato alla pandemia.

Vaccini, tamponi reiterati in ogni occasione di viaggio, ripresa lavorativa, rappresentano costi sostenuti e, di conseguenza, guadagni.
I vantaggi sono distribuiti tra
a) produttori e distributori del materiale;
b) enti effettuatori dei controlli, pubblici e privati;
c) personale delegato a effettuazione, trascrizione e consegna dei risultati;
d) spazi, strutture, personale e dispositivi (meccanici/informatici) di gestione del flusso di persone controllate.
Sono inoltre da considerare i dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti) e di disinfezione. Anche questi intesi come produzione, distribuzione e vendita.
Questo complesso può essere definito con denominazione inclusiva “Economia Pandemica”.

Se si considera la pandemia come un fattore di aggravamento di costi (chiusure lavorative, limitazione della mobilità), si può obiettare che i costi della Economia Pandemica sono finalizzati alla riattivazione del ciclo economico.
Questa finalizzazione non ha comunque valore positivo, si tratta unicamente di aggravio di costi di beni prodotti/utilizzati e di persone impiegabili altrimenti in attività produttive.

La similitudine è con la economia delle guerre civili, che non costituisce affatto un elemento di crescita ma di semplice predazione di quanto già esistente (K. Imai, J. Weinstein. Measuring the Economic Impact of Civil War – Working Paper No. 51, June 2000 , Center for International Development at Harvard University. Cambridge, MA).
La differenza delle guerre civili con le guerre istituzionali concluse è che nelle seconde le innovazioni tecnologiche indotte e i fenomeni di ricostruzione tendenzialmente hanno dato benefici sebbene a qualche anno dalla conclusione degli eventi.

La economia pandemica ha dimostrato vantaggi per produttori e distributori di vaccini, tamponi, mascherine e i loro dipendenti (occupati attivamente).
Paradossalmente e in una società post-eroica (E. Luttwak), coloro che si avvantaggiano hanno un ruolo che, senza lettura pregiudiziale, assomiglia a quello dei Signori della Guerra.
(N. Cooper – 2002 – Warlords and Logo Warrriors. The Political Economy of Postmodern Conflict. In: J. Brauer, J.P. Dunne eds, Arming the South, Palgrave Macmillan, London.
S. Skaperdas – 2002 – Warlord Competition. Dept. of Economics , Univeristy of California, Irvine, CA).

In ulteriore metafora, è come se le predazioni sui profughi dell’Atamano Semenov in Siberia nella guerra civile russa potessero essere anche marginalmente interpretate come fenomeno positivo.

Non vale la pena chiedersi se l’approccio alla pandemia universalmente e falsamente attribuito a Boris Johnson (falsità documentata da M. Bolondi in Atlantico Quotidiano, 03 aprile 2020) richieda un approccio adogmatico (cioè empirico) ai benefici per pochi indotti dalla pandemia e dalla sua gestione a fronte di una fragilità sbalorditiva del sistema Europa e del sistema Italia (al netto del pervenimento di risorse finanziarie comunitarie, non ancora visibili e da restituire anche poco palesemente)?

Cioè, è come se nella siccità un allevatore delegasse due delle sue settecento mucche a svuotare la sola pozzanghera residua e si dicesse soddisfatto del “lavoro” svolto.

Lascio ad altri argomentazioni catastrofiste-pauperiste, che non mi pertengono.

P. Paracchini
Reflections on Italy
By P. Paracchini
Italy, where too many cooks spoil the broth for everyone but themselves!

Italy remains the least governable and most unstable member of Nato, not to mention the UE. Despite being one of the original six Founding Members and one of the principal financial supporters of the UE, Italy does not carry the political weight one would expect of the EU’s second major manufacturing Power. A question of leaders and leadership?

 

Fourteen months ago, despite an electoral law hastily redesigned to encourage multi-party politics as opposed to the bi-party politics of the Berlusconi “era," Italian voters, clearly sending a message to their leaders side-stepped the traditional parties and voted resoundingly for two up-starts known as the M5S and Lega parties. These two parties subsequently formed the first two-party coalition government in the history of the Republic. Known as the “Government for Change," that government was put into sudden-death overtime by Matteo Salvini, leader of the Lega on August 8, 2019. 

 

After a little more than one year, Italians stand aghast as Italy’s leaders once again seem intent on playing “craps” with the lives of their fellow citizens. Naturally, for the good of all Italians, but most of all for the good of the Country’s numerous and highly paid bureaucrats and, of course, for the thousands of MPs and politicians required to represent a shrinking Italian electorate now down to about 50 million people.

 

No one on the right or left of the political spectrum can deny Italy needs “a better mouse trap”. In the age of real-time communications, smart phones, computers and broad-band internet connections, Italy needs a political machinery that    is democratic, quick to decide and cost effective.

 

The present Constitution and Institutions do not seem to guarantee any of the above. What to do?

 

  1. Reduce the number of MPs. It makes little sense for Italians to pay for 1000 legislators when half would be more than enough to adequately represent Italy’s decreasing eligible voter population of some 50 million. An example? Italian Representatives represent 80,000 people each compared with 733,000 people each by their American counterparts. Italian Senators, which are less than half in number, represent 200,000 people each. However, in the US Senators represent the individual States and no comparisons are possible.
  2. Cut the outrageously high cost of Italian politics. Italian MPs earn more than € 190,000.00 per year. They are the highest paid politicians in Europe or the Americas. The cost of running Italy’s Quirinal Palace (where Pres. Mattarella and retinue live and work) is five times that of Buckingham Palace and twice that of the White House! For most Italians, politicians are not worth the money they get, especially in these times of diminishing returns. Something must be done to stop the gouging of taxpayers.
  3. Encourage the formation of a manageable two / three party system by rethinking voter districts, raising thresholds for winning seats in parliament and adopting a first-past the-post majority electoral system. The error is believing that more parties in Parliament equals more democracy. In the Italian case the proliferation of parties has brought nothing but confusion and hegemony often by parties representing but a majority only marginally superior to their own.
  4. Neutralize the Italian Magistrature’s bid for political power by constitutional amendment where possible and/or by making the Magistratura accessible to lawyers and Notaries in private practice; the present closed system does nobody any good; civil servants and bureaucrats become more responsive to the needs of society when challenged by competition from the private sector.  

 

All systems are self-preserving and naturally Italian politicians believe the answer lies not in the above suggestions but in going even more proportional (in efforts to stop the “populist right” from spoiling their well-remunerated fun). For the good of Italy and to make sure it is “never again” for the likes of Salvini.

 

Come Tuesday, August 27, should Mattarella not send everybody to the polls sometime this fall, Italians risk falling back into the hands of the old cold-war leadership that nearly bankrupted the Country. If that were allowed to happen, self-determination could become the North’s only option. Caveat emptor!

 

Filippo Brunelli
Nerdering
By Filippo Brunelli
Ed i miei dati?

Nel 1086 Guglielmo il Conquistatore diede origine a quello che viene definito il più antico catasto inglese ed il primo di tutto il medioevo: il “Domesday Book”. Il manoscritto originale, scritto in latino su pergamena , è tutt’ora esistente e conservato negli archivi nazionali britannici, nel distretto londinese di Kew.
Nel 1983, durante il governo Thatcher, si decise di fare un “Domesday Book” nuovo che utilizzasse le più moderne tecnologie allora disponibili: il videodisco ed il microcomputer. Quindici anni più tardi tutto il lavoro fatto rischiava di essere inutilizzabile in quanto, anche se il supporto era ben conservato era diventato quasi impossibile trovare un lettore per il videodisco ed un microcomputer in grado di decodificare i dati.
Per fortuna si riuscì a trovare un lettore ed un computer adatti, a recuperare tutto e mettere online i contenuti.
La scelta nel 1983 di utilizzare come supporto un videodisco non sembrava strana: negli anni ’80 la tecnologia laser per la lettura dei dati era al suo inizio e rappresentava il futuro. Il metodo per creare questi supporti, inoltre, era molto simile a quello dei normali CD (nati solamente da pochi anni) e, come loro, anche il videodisco era considerato il supporto perfetto in quanto era robusto, e destinato a durare a lungo.
Purtroppo gli inizi degli anni ’80 hanno rappresentato non solo l’inizio della massificazione dell’informatica ma anche il suo “brodo primordiale” nel quale vi era una quantità enorme di sistemi operativi, formati e standard diversi che nascevano e morivano. Per fare un esempio il DOS 1.2 che sarebbe diventato il sistema operativo di riferimento per le macchine XT compatibili era stato commercializzato da appena un anno ed in breve tempo la “lingua” nel quale erano stati memorizzati i dati del nuovo “Domesday Book” digitale era diventata sconosciuta e anche i mezzi erano spariti.
Fin dall’inizio dell’invenzione della scrittura, l’uomo ha conservato i documenti pensando che si potessero consultare per sempre purché non si rovinasse il supporto sul quale erano “memorizzati”: una vecchia pergamena sarà sempre leggibile (a patto di conoscere la lingua nella quale è stata scritta) semplicemente aprendola, così come un libro o una tavoletta cuneiforme. Il passaggio al digitale ha dimostrato che questo non è più possibile e che, oltre all’informazione, è importante avere anche lo strumento per leggerla. Nel 1965 Gordon Moore, cofondatore dei Intel, elaborò quella che passerà alla storia come legge di Moore: “La complessità di un microcircuito, misurata ad esempio tramite il numero di transistor per chip, raddoppia ogni 18 mesi (e quadruplica quindi ogni 3 anni).”  Questa affermazione, basata su osservazioni empiriche, si rivelò esatta e divenne l’obbiettivo che tutte le aziende produttrici di microprocessori si pongono come obbiettivo.
Come diretta conseguenza di questo abbiamo una costante accelerazione della tecnologia e una conseguente evoluzione dei sistemi informatici. Prendiamo ad esempio il classico floppy disk: si è passati dal primo floppy ad 8 pollici a quello da 5 ¼ per finire con quelli da 3 ½ negli anni ’90 e primi anni del nuovo secolo per poi sparire completamente. Se oggi è ancora possibile trovare un lettore per “dischetti” da 3.5 pollici è molto difficile trovarne di quelli che leggono quelli precedenti da 5 ¼ e quasi impossibile quelli da 8” e chi trovasse in soffitta dei vecchi floppy quasi certamente si troverebbe nella condizione di non sapere cosa farsene o come leggerli.
Pensare che questo problema riguardi solamente i mondo dei computer è sbagliato.
Anche le cassette musicali o i vecchi video su VHS o Video 8 hanno subito lo stesso destino: gli strumenti per leggere questi supporti sono gradualmente spariti dagli scaffali dei negozi di elettronica e chi ha ancora delle vecchie video cassette, magari con le vacanze fatte con la famiglia una ventina d’anni addietro, rischia di non poterle più rivedere tra qualche decade.
Ma a creare problemi nel passaggio dall’analogico al digitale non è solamente l’utilizzo di un supporto anziché un altro ma anche, come abbiamo visto, la “lingua” nella quale le informazioni sono memorizzate, in particolare se la tecnologia ed il metodo di codificarle utilizza un formato proprietario.
I formati proprietari sono, in genere, dei metodi di codifica delle informazioni che utilizzano algoritmi che appartengono a qualche azienda o organizzazione che ne dispone i metodi di utilizzo. Se un domani chi detiene il brevetto per questo tipo di codifica decidesse di non renderlo più disponibile nei suoi programmi o in quello di altri si perde la possibilità di poter accedere nuovamente ai propri dati. Vice versa l’utilizzo di quelli che vengono chiamati formati aperti, permette di memorizzare le informazioni in formato digitale utilizzando dei metodi che sono di dominio pubblico e liberamente utilizzabili.
Un esempio di quanto l’utilizzo di un formato aperto sia importante lo si trova negli ebook.
Alla fine degli anni ’90 l’azienda statunitense Microsoft lanciò sul mercato un suo formato per leggere gli e-book; un formato che offriva la possibilità di avere file leggeri e una buona leggibilità su schermi piccoli. In particolare Microsoft stava entrando a gamba tesa nel mercato dei dispositivi mobili come PDA, Palmari, Pocket PC e smartphone con il suo sistema operativo Windows CE ed il formato .lit era perfetto per poter sviluppare un mercato di editoria digitale su questo tipo di dispositivi che utilizzavano questo il sistema operativo. Per circa una decina d’anni (fino al 2011)  il formato Microsoft visse una parabola: prima una crescita e poi una discesa fino a non venir più aggiornato e supportato, così che tutti i libri distribuiti in quel formato sono ora leggibili solo tramite il sistema operativo Windows che supportano l’ultima versione del programma Microsoft Reader, in quanto i moderni lettori di e-book non hanno più la compatibilità con questo formato. Al suo posto, invece, il formato .ePub, nato nel 2007 come formato aperto, è diventato lo standard preferenziale per quasi tutti i lettori di e-book (fanno eccezione i Kindle che supportano il formato proprietario .mobi),  tanto che esistono migliaia di app e programmi che possono supportare questo formato.
È quindi importante, quando si decide di memorizzare delle informazioni per essere conservate fare attenzione al formato che si vuole utilizzare: se memorizzo del testo formattato è sempre meglio optare per il formato .ODT anziché .DOC o DOCX di word, così per le pagine web è sempre meglio preferire il formato HTML al posto del . WebArchive che è leggibile solamente dal browser Safari di Apple.
Il passaggio dai dati analogici a quelli digitali (dalle cassette ai CD, dai VHS ai DVD, eccetera) è comunque un passaggio inevitabile e, malgrado quanto detto fino ad ora, la possibilità di salvare qualcosa in una sequenza di 0 e 1 offre una serie di vantaggi che non si possono ignorare.
Rispetto ad un’informazione analogica, quella digitale può essere riprodotta infinite volte anche dalle sue stesse copie, rimanendo sempre fedele all’originale (a meno che non venga deliberatamente modificata). Un manoscritto, se è copiato con un errore, quest’errore verrà ripetuto anche nelle copie successive; una cassetta, musicale o video che sia, tenderà a perdere di qualità con il tempo e quest’informazione errata sarà amplificata nelle copie successive, così come una serie di fotocopie fatta da altre fotocopie tenderà ad essere sempre più chiare e quindi differire dall’originale.
Per chi si preoccupa che anche nel copiare un dato in digitale possa generarsi un errore di trascrizione bisogna sottolineare quanto questo sia improbabile: si può trasmettere un’informazione che contiene al suo interno i dati necessari per la correzione degli errori (come ad esempio il codice Reed-Solomo del 1960) che permettono, anche nel caso una parte di dei bit che compongono il messaggio memorizzato o inviato siano rovinati, di poter ricostruire la sequenza digitale originale per quel bit in modo da avere l’informazione completa. Ogni giorno, quando guardiamo la televisione digitale (per chi come me ha anche visto i vecchi tv analogici) ci accorgiamo che l’immagine è sempre o chiara e pulita oppure assente completamente, e non più come nelle vecchie trasmissioni in analogico dove spesso i programmi erano disturbati. Questo perché un’informazione in digitale, come abbiamo detto è in grado di auto correggersi ed eliminare il “rumore”.
Da un punto di vista economico, salvare i propri dati in formato digitale offre dei grandi risparmi. Stampare una foto analogica, ad esempio, ha un costo di circa 8,50 € per un rullino da 25 pose di pellicola negativa in bianco e nero, 7,50 € per i negativi a colori (procedimento C41) e 11 € per le diapositive (procedimento E6) più 2 € per l’intelaiatura per queste ultime. Al costo della stampa va poi aggiunto il prezzo del rullino che è di circa 6,00€ per 24 pose come nel caso del Kodak Gold 200. Facendo due conti veloci il costo di una foto in analogica è di circa 0,50€.
Utilizzare invece il formato digitale permette di visualizzare la foto su molti dispositivi, dagli smartphone alle televisioni senza costi di sviluppo. Considerando il prezzo di una scheda SD di buona qualità con una capacità di 64Gb è di circa 25,00€ e che si possono memorizzare più di 9.000 foto1, mentre per stamparle il costo è di circa 0.05€ a foto. Se poi si volesse memorizzare le foto anziché su di una scheda SD su di un Hard Disk il prezzo per Mb è ancora più basso.
Per finire, salvare i dati in formato digitale non solo è  più conveniente, ma aiuta ad avere un impatto ambientale, sul breve periodo, molto basso.

I dispositivi non sono però tutti uguali e quando parliamo di Hard disk, memorie USB o schede SD bisogna sempre tenere presente che questi supporti hanno un numero massimo di scritture possibili e che Hard Disk e memorie allo stato solido come SSD, anche se possono sembrare simili, memorizzano i dati in maniera diversa: se per un tradizionale hard disk possiamo considerare una vita media di almeno 10 anni per una memoria allo stato solido come und disco SSD i dati si possono scrivere su una cella di memoria all'interno dei chip NAND Flash, un numero di volte compreso tra circa 3.000 e 100.000 nel corso del loro ciclo di vita. Questo ciclo di vita scende ulteriormente se si parla di schede SD o di chiavette USB.
Certo si può pensare di salvare tutti i dati su un supporto ottico come ad esempio un CD o un DVD ma anche in questo caso il nostro disco, anche se conservato con attenzione, non è detto che sia sicuro: negli ultimi anni si sono verificati casi di CD (spesso di fascia economica) dove lo strato protettivo di plastica si sfaldava lasciando esposta la parte interna che contiene i dati dopo solo 10 anni.
Per risolvere questi problemi nell’ultimo decennio si è iniziato ad utilizzare sempre di più il “Cloud” per salvare i dati importanti;  alcune aziende mettono, addirittura, automaticamente a disposizione un servizio di cloud dove salvare i dati e le foto presenti nei propri telefoni cellulari come Apple o Google.
Ma anche in questo caso i dati non sono propriamente al sicuro, anzi forse lo sono ancora meno di altri supporti perché il vero proprietario è chi amministra il servizio di Cloud e non l’utente che salva i dati in quel posto e se l’azienda che è proprietaria dei server, per un qualunque motivo, decidesse di interdire l’accesso ai dati o di cancellarne il contenuto, l’utente non potrebbe fare nulla. L’utilizzo di un servizio remoto per salvare i propri dati è quindi da considerare come una copia della copia e non come la soluzione principale.
A questo punto viene da chiedersi: “se siamo passati dai 2000 anni circa di durata di un papiro ai 20 scarsi di un CD conviene passare i propri dati, le proprie memorie, la propria vita in un formato digitale?”
Malgrado quello che si può pensare la risposta è Si!
Un sì dato che i vantaggi superano di molto gli svantaggi; un sì che richiede l’uso attento di poche e semplici regole per preservare le nostre memorie,  come l’utilizzo di supporti di qualità (soprattutto nel caso si utilizzino chiavette USB o CD piuttosto che DVD), avere sempre una copia della copia dei dati importanti e, ultimo ma non per questo di minor considerazione, utilizzare dei formati che siano il più aperti possibili come JPG o PNG per le foto, ODT o TXT per i testi, XML o HTML per il web, eccetera.

 


1Dati indicativi per difetto considerando foto a 16MPx e 72DPI.


BIBLIOGRAFIA:

 

      Ultima consultazione siti web maggio 2021.

 

Gallery & Media
 
Lombardi Pelanda
C. Pelanda
Esodestini
By C. Pelanda
La relazione tra capitale e inizio della biocibernazione

E’ tempo per il capitale di valutare investimenti sulla biocibernetica o non ancora, in particolare su endo-protesi di potenziamento del cervello? L’avvento di un’Età della “biocibernazione” – nome creato da chi scrive negli anni ’80 - è stato profetizzato già da tempo. Nel 2000 Bill Joe, direttore scientifico di Sun Microsystems, scrisse: nel 2030 le tecnologie dell’informazione, bio e nano si fonderanno generando una speciazione post-umana. Ancor prima Kurzweil lanciò programmi di potenziamento tecnologico delle facoltà umane e di discontinuità evoluzionistica: la “singolarità”. Ma le aziende pronte a mettere sul mercato biochip cerebrali rinunciarono per timore di dissensi che avrebbero compromesso la capitalizzazione iniziale in Borsa. Così come Google interruppe, per problemi di vulnerabilità legale in materia di privacy, la vendita di occhiali costruiti come protesi di potenziamento delle funzioni visive-informative del cervello. L’intento dichiarato da Musk di costruire chip da impiantare nel cervello segnala che ora i tempi sono maturi?
Il potenziale tecnologico c’è. Nei sistemi autoritari la ricerca è più avanzata per l’assenza di problemi di consenso, ma è scarsa la vera libertà di impresa. L’innovazione, infatti, richiede o la guerra o una relazione amplificante tra libertà, tecnologia e capitale e in questi la prima non c’è. Nelle democrazie c’è, ma manca il consenso a causa del conflitto tra tecnica e morale. Chi scrive invocò un gizmo nella testa quando quattordicenne nel 1965 giocava a scacchi ad occhi bendati nel Caffè San Marco di Trieste, all’ombra della più grande sinagoga d’Europa. I limiti del cervello umano, forzati, erano evidenti e frustranti. Nell’evoluzione, infatti, ha avuto successo, finora, la cooperazione tra individui e non il supercervello illimitato. Tuttavia, la complessità crescente dei compiti cognitivi ha bisogno di un secondo cervello ausiliario, un “metagolem”. Ma ciò genera orrore nei più. A meno che non sia capace di salvare, disse allo scrivente un vecchio rabbi di passaggio. Tale battuta mostra la via: trasformazioni della configurazione umana naturale sono accettabili solo se chiaramente salvatrici. Per esempio, controllo di Alzheimer e Parkinson, ripristino di vista e udito, autoriparazioni in generale. In sintesi, si può ipotizzare che i biochip cerebrali possano ottenere consenso solo se chiaramente finalizzati a salvazioni mediche. A tale condizione l’investimento è valutabile in un orizzonte di 10-15 anni. Aperta questa porta poi, come accade da secoli, la morale si adeguerà alla tecnica.

Matteo F.M. Sommaruga
On the other side of Berlin Wall
By Matteo F.M. Sommaruga
An excursion to the mountains

To the early and less enduring snow of late autumn, that year followed abundant precipitations that soon covered with a white mantle the mountains around Munich. It could have been the landscape printed on a Christmas card or the atmosphere depicted by Thomas Mann in many of his novels. Perhaps even Hitler would have taken inspiration for a watercolour. It could have for sure promoted the sale of the frame, although soon to be replaced with some work of better quality. I was getting stressed on the workplace, because of the requests I received by the far too many stakeholders I had interaction with. By the tone and the feasibility of the targets, they also reminded me of Hitler, while shouting unintelligible orders to his generals. They also had the tune of a DDR hymn, so deeply impregnated by optimistic propaganda. We will complete the plan within the next five days, employing a team of four people, two of which on vacation and the other two new hires who have not already received their laptops. Of course I had to be stressed, but I had also to consider that I was paid because of my well renown soft skills, i.e. negotiation and stress management. I actually felt quite unprepared with both of them, but that was not what I wrote on my resumée under the direct supervision of my career advisor. On a wednesday night, after having got home at 1 a.m. because of an extenuating meeting with the whole management of my area, I decided to break the piggy bank and take part to a guided tour on the snowshoes. The local section of the DAV, the German Alpine Club, organized many excursions during the week ends. Unfortunately most of trips were often cancelled due to the most disparate reasons. It was so frustrating that I had already abandoned the idea to become a proficient mountaineer. I had however to try. My good friend Cristoph was away for a long mission related to his job and I also had enough to spend most of my time reading on the web edition of the local newspapers alarming reports about the presence of radical Islam in Bavaria. If I had been a young Pioneer in the DDR times, my supervisors would have for sure approved
such a proof of bravery defying the decadent entertainment of the Western countries. Actually, without a good income, I would have ever hardly been available to buy the necessary equipment and the efficiency of the Warsaw Pact would have made the roads to the mountains quite impracticable if not for an highly sophisticated military vehicle. Perhaps available only to the NATO. I did not want to take care of the opinion of high paid professionals, but just to stay away from the town for a short while. I prepared my backpack carefully, not to be stuck in an unknown place without the essential equipment. Relying on technology, it was not necessary to carry a voluminous luggage. The iPad is good enough to contain all the entertainment I need for several years. While selecting the food and handling a pocket of dried fruit, I realised how such a tendency to condense all the necessary resources for survival has started centuries ago. A long road to innovation, should add the commentary of a boring video on the human evolution. I also felt that my thought lack of ingenuousness. Perhaps I was not reading intensively enough and I was looking for new ideas. Like those you easily pick up from the best renowned magazines and, by quoting, you can easily assert to belong to a restricted elite of intellectuals. I also doubted whether I should acquire my information from alternative resources. The only conclusion was to adhere to any plot theory available on the web. I then realized how honest intellectuals should have felt under the DDR. The choice to believe to the carefully manipulated scientific publications of the University of Lipsia or the option to nourish your brain with not verified notions, partially developed by the mind of an uneducated political prisoner. For the following two days, in the comfort of a wooden building, immersed in a white world, I made a truce with my troubles.

G. Vatinno
Futurizing
By G. Vatinno
Il tempo nella teoria della relativita'

Il Signore è sottile, ma non malizioso (Albert Einstein)

INTRODUZIONE
Prendo lo spunto dal mio libro da poco pubblicato Storia naturale del Tempo.L’Effetto Einstein e la Fisica del futuro  per offrire al lettore alcune considerazioni su un concetto solo apparentemente semplice ed intuitivo. La storia del concetto di  “tempo” è particolare, divisa com’è tra la Fisica e la Filosofia, per non parlare poi della Religione e delle inevitabili citazioni di Sant’ Agostino (che opportunamente evito). Tempo (e spazio) sono esperienze basiche per l’Uomo. Premetto che in questo articolo parlerò esplicitamente del “tempo”, ma che, trattandosi di concetti strettamente correlati, è sempre sottinteso che esiste un’analoga trattazione per lo “spazio”. Considerando poi che utilizzeremo principalmente concetti relativistici ogni qualvolta parlo di tempo occorre intendere lo “spaziotempo”.Ma cos’è il tempo?
Il tempo, intuitivamente è legato a qualche forma di “cambiamento” non strettamente spaziale; anzi potremmo definirlo come la misura di un “cambiamento continuo” e secondo la filosofia senza cambiamento non c’è neppure  tempo.Ma cambiamento di cosa? Cambiamento della posizione del sole e delle stelle, della luna, delle stagioni o, in maniera più raffinata, del proprio stato psicologico, del proprio sentire? Queste considerazioni ci portano naturalmente ad una prima distinzione tra “tempo oggettivo” che è possibile misurare strumentalmente ed è uguale per tutti gli osservatori e un “tempo soggettivo”, che, per sua definizione, non è misurabile (ma confrontabile). In questo articolo vogliamo occuparci più propriamente del tempo oggettivo, cioè di quello che utilizza la scienza.
I modi per misurare il tempo, eventi astronomici, clessidre, meridiane, orologi fanno parte della storia della tecnologia.Per quanto riguarda invece la Fisica il discorso è più complesso perché una vera “Fisica temporale” nasce , in senso moderno,solo con i primi esperimenti e quindi  se si eccettua qualche eccezione greca, con Galileo Galilei.Allora si comincia ad avvertire la necessità di quantificare esattamente il tempo non solo a fini sociali, ma anche appunto più propriamente scientifici e quindi con una maggiore rigorosità.Ad esempio, la nozione di velocità vista come il cambiamento dello spazio rispetto al tempo (e in seguito quella di accelerazione vista come il cambiamento della velocità rispetto al tempo) apre la strada a questa nuova concezione. A ben considerare è proprio l’analisi differenziale di Newton e Leibnitz che propone quello che diverrà poi un vero e proprio paradigma: una visione della Fisica in cui il tempo è  il parametro privilegiato di riferimento a cui rapportare la variazione delle altre grandezze fisiche coinvolte nella descrizione di un fenomeno
 .
Infatti la seconda equazione di Newton, la celeberrima
(1)F = MA
permette di determinare istante per istante la posizione di un corpo di massa M sottoposto ad una accelerazione A una volta nota la forza F e le sue condizioni iniziali. In pratica potremmo dire che tutta la Fisica dal XVII secolo in poi è basata sul concetto di tempo anche se, ad esempio, per l’equazionecosmologico-quantistica di Wheeler-DeWitt (o WdW) si è parlato di “fine del tempo” e possibilità di descrivere una fenomenologia senza ricorrere (almeno esplicitamente) a tale parametro.Ma torniamo al tempo classicamente inteso.Una volta instauratosi nella Fisica grazie a Galilei e a Newton il nostro parametro si rafforzò viepiù nei secoli successivi divenendo uno dei punti fermi della descrizione fisico-matematica dei fenomeni.Infatti, come già accennato,tutto il settecento e l’ottocento è un fiorire di equazioni differenziali ordinarie e alla derivate parziali che lo vedono da protagonista (quasi) solitario.Il tempo è anche il parametro fondamentale (rispetto a cui variano il campo elettrico e magnetico) delle equazioni di Maxwell.E così giungiamo al XX secolo.Questo secolo risulterà, come noto, assolutamente innovativo per la nostra concezione dell’Universo.Infatti, proprio al suo inizio, fanno la loro comparsa due teorie che rivoluzioneranno non la sola Fisica, ma l’intera scienza e anche il modo di pensare in generale della società: la Teoria della Relatività Ristretta (RR), la Teoria della Relatività Generale (RG) e la Meccanica Quantistica (MQ). Per quanto riguarda il tempo la MQ lo vede come un paramentodi evoluzione di un sistema,  importante  ma non così determinante come è invece nella Fisica newtoniana; infatti per l’equazione di Schrödingerè più importante conoscere gli auto-valori dell’energia che la sua evoluzione temporale. Completamente diverso è il caso delle Relatività: infatti in esse il tempo cessa di essere solo un parametro evolutivo per divenire il centro dell’interesse stesso della teoria.Possiamo dire,  che con le teorie di Einstein, il tempo diviene attore primario della Fisica non solo come parametro evolutivo , ma anche come “oggetto” del sapere stesso (e quindi acquisisce una dimensione filosofica ontologica, ma supportata da elementi quantitativi). Come noto, a partire dalla RR del 1905 lo spazio e il tempo smettono di essere enti separati per divenire un concetto unificato: lo spaziotempo (senza trattino) che compie il “miracolo” di unire grandezze che fino ad allora erano state considerate come completamente separate. Lo spaziotempo fa il suo ingresso nella RR ed è il portato matematico delle equazioni di trasformazione di Lorentz che “mischiano” appunto sia il tempo che lo spazio in un tutto unico.Lo spaziotempo della RR è, come noto, “piatto” o pseudo-euclideo (l’aggettivo pseudo è riferito alla distanza non definita positiva nello spaziotempo di minkowski) mentre lo spaziotempo della RG, completata nel 1915, è “curvo” (ed è incurvato, sostanzialmente, dall’energia/massa).
Il fatto di aver promosso, nelle Relatività,  lo spaziotempo a protagonista della Fisica apre scenari assai interessanti ed intriganti.Come il moto è “relativo” anche il tempo e lo spazio sono relativi e quindi cessano di essere concetti “assoluti” come li considerava Newton e tutta la Fisica fino ai primi anni del novecento.E se sono concetti relativi possono avere valori diversi a seconda dei diversi osservatori, in moto, in “quiete”, accelerati o sottoposti ad un campo gravitazionale. Dunque questo apre la strada ad un filone che inizialmente fu guardato con sospetto dai fisici professionisti: quello dei “viaggi nel tempo”.Ormai, dopo che se ne sono occupati fisici del valore riconosciuto come Kip Thorne, Roger Penrose, Paul Davies e (anche se criticamente) Stephen Hawking la materia pare definitivamente sdoganata.Infatti è sperimentalmente noto che il tempo “rallenta” per un osservatore in moto rettilineo uniforme rispetto ad un altro (ma la cosa è reciproca!) e che il tempo rallenta per  chi si trova immerso in un campo gravitazionale. Da notare come l’effetto sia reciproco in RR –tra i due osservatori inerziali-, cioè per tutti e due il tempo rallenta, ma non lo sia in RG dove per l’osservatore in un campo gravitazionale il tempo rallenta (rispetto a quello esterno), ma per quello esterno il suo tempo accelera. In questo articolo dunque ci occuperemo solo del tempo relativistico; tuttavia, in Fisica, esiste un altro interessante modo di studiarlo (e definirlo) e cioè quello della termodinamica e della “freccia del tempo” indicata dal Secondo Principio e quindi dall’aumento dell’entropia.
IL TEMPO NELLA TEORIA DELLA RELATIVITA’ RISTRETTA
Nella RR il tempo scorre diversamente per due osservatori inerziali in moto uno rispetto all’altro. Come già detto, proprio l’essenza stessa della Relatività impone che tale fenomeno sia reciproco e simmetrico.L’osservatore considerato in moto (ripetiamo che si tratta sempre di una scelta di pura convenzione) avrà sempre un tempo che scorre più lentamente e precisamente:
(2):::Desktop:785822ad0d53c17c04fd8f1008b38743.png

Dove Δt è l’intervallo di tempo misurato nel Sistema di Riferimento in cui è l’orologio è in quiete (tempo proprio)  e Δt' è l’intervallo di tempo misurato nel Sistema di Riferimento in cui l’orologio si muove con velocità v. Dunque risulta che in OGNI Sistema di riferimento il tempo “scorre più lentamente” perché il fattore gamma per v < c è sempre maggiore di 1 e quindi Δt' > Δt (la durata è maggiore).
IL TEMPO IN RELATIVITA’ GENERALE
La RG nasce per ampliare a tutti gli osservatori (anche a quelli in moto accelerato e non solo rettilineo uniforme, come avviene in RR) l’invarianza delle leggi della Fisica.Facendo questo lo spaziotempo pseudoeuclideo della RR diviene una varietà di Riemann curva.Lo strumento matematico atto a studiare tale geometria (differenziale) è il calcolo differenziale assoluto di Levi-Civita e Ricci-Curbastro.Applicando tali strumenti Einstein (ed Hilbert che però gli riconobbe la primogenitura) giunge a scrivere le famose equazioni di campo  che sono:

(3)image
ove:
image è il tensore di curvatura di Ricci, image è un numero detto curvatura scalare,  image è il tensore metrico (che servirà poi, una volta sostituito nelle equazioni del moto a determinare la dinamica), image è un termine chiamato “costante cosmologica” è che fu introdotto e poi tolto (ed oggi rimesso) nelle equazioni di campo da Einstein per ottenere un Universo in equilibrio,  image è il tensore energia-impulso, c la velocità della luce e G la costante di Newton, π è il rapporto tra la lunghezza della circonferenza e il diametro.
Le (3), dal punto di vista puramente matematico, rappresentano un Sistema di equazioni differenziali alle derivate parziali, non lineari, nelle componenti del Sistema metrico image e in 4 variabili indipendenti (x,y,z,t).Poiché si può scegliere, senza perdere di generalità, il tensore metrico in modo che sia simmetrico, delle 16 componenti originali (4X4) ne restano solo 10 indipendenti-
Una volta trovate le funzioni incognite occorre risolvere le equazioni del moto che sono date dalle geodetiche della varietà di Riemann e cioè:
image
(4)
dove:
le x sono le coordinate del punto in moto e le quantità Γ sono legate proprio ai valori della metrica  imagedeterminata dalle equazioni (3).
In RG si possono utilizzare diverse formule per calcolare le dilatazioni temporali.Esaminiamo diversi casi:
I) Per un osservatore in moto accelerato uniforme (che, grazie al Principio di equivalenza) è identico ad un campo gravitazionale localmente uniforme) si ha:
(5)image
dove g è l’accelerazione (costante), h è la distanza tra un osservatore accelerato (o in un campo gravitazionale equivalente) e un osservatore in quiete (o in assenza di campo gravitazionale), c la velocità della luce.Quindi per un osservatore in moto accelerato (o in un campo gravitazionale) il tempo rallenta mentre, viceversa, per un osservatore in quiete (o in assenza di campo gravitazionale), il tempo accelera.
II) Nel caso invece gravitazionale di una massa m non rotante e di raggio r, utilizzando la metrica di Schwarzchild, si ha:
(6) IMAGE
dove t’ è il tempo misurato all’interno del campo gravitazionale (“tempo proprio”), t è il tempo misurato all’esterno del campo gravitazionale, r la distanza dal centro di massa, m la massa che genera il campo gravitazionale, c la velocità della luce nel vuoto e G la costante di gravità.

 

 

La (6)  sviluppata al primo ordine dà:

 

(7)IMAGE

dove IMAGE è il cosiddetto raggio di Schwarzchild
Nel caso della (7) la formula non è “invertibile” tra i due osservatori, interno ed esterno al campo gravitazionale, come è invece la (2).
Naturalmente anche le lunghezze sono contratte sia in RR che in RG e precisamente valgono le:
(8a)image

 

(8b)IMAGE

CONSIDERAZIONI GENERALE SULLA DILATAZIONE TEMPORALEE SULLA CONTRAZIONE SPAZIALE
Occorre soffermarsi su un altro punto della questione; la dilatazione temporale in RR è , in un certo senso, meno intuitiva da capire di quella in RG. Infatti, in RR la contrazione ha natura sostanzialmente cinematica, mentre in RG si tratta di una vera e propria deformazione geometrica dello spaziotempo. Dunque si tende a capire più facilmente il fatto che le masse contraggano lo spazio e dilatino il tempo proprio perché è la struttura geometrica stessa che subisce deformazioni cosa che non è altrettanto evidente in RR.
I VIAGGI NEL TEMPO
I viaggi nel tempo sono un tema molto di frontiera della fisica contemporanea e –possiamo dirlo-sdoganati da poco grazie all’interesse di fisici molto influenti come Stephen Hawking, Kip Thorne, Paul Davies,Roger Penrose (per citare i più rilevanti) anche se un esempio matematico completo fu scoperto nel 1949 dal logico Kurt Gödel .Tale possibilità deriva proprio dal fatto che grazie alle formule precedenti la durata temporale degli osservatori in moto e sottoposti alla gravità sono differenti da chi non  le sperimenta.La RR permette viaggi nel futuro (tralasciamo le possibilità teoriche di comunicare con i tachioni) mentre la RG permette viaggi nel passato e nel futuro (nel caso di loopspazio–temporale in cui però si può tornare indietro nel tempo fin solo al momento della creazione della macchina oppure al momento della creazione naturale del loop; questo, curiosamente, segna anche una differenza rilevante tra la possibilità di accedere ad un futuro virtualmente illimitato ed un passato invece limitato).I viaggi nel tempo dunque sono teoricamente possibili, ma restano da esaminare due aspetti di essi; il primo è la generazione di paradossi quando si ammette la possibilità di tornare/comunicare col passato e la seconda è la fattibilità tecnologica di questi viaggi. La problematica tecnica è solo una questione di tempo e risorse mentre quella dei paradossi è particolarmente complessa. Il paradosso principale che sorge è chiamato “paradosso del nonno”.Un crononauta torna nel passato e uccide suo nonno.Ma se lo uccide non può essere nato e neppure tornato ad ucciderlo.Spiegazioni proposte sono principalmente due.La prima fa ricorso alla MQ e specificatamente alla Interpretazione a Molti Mondi di Hugh Everett III; quando il viaggiatore del tempo uccide il nonno l’universo si separa in due storie: in una il nonno è effettivamente ucciso e nell’altra no.Dunque il viaggiatore si troverà nel secondo universo e non ci saranno contraddizioni logiche.La seconda spiegazione è il principio di autoconsistenza di Novikov; il crononauta torna nel passato tenta di uccidere il nonno, ma un passante si frappone e rimane ucciso al posto suo.Il “nipote” ricorda che il nonno gli narrò questa esperienza e come un passante gli abbia involontariamente salvato la vita.
CONCLUSIONI
Il tempo forse ancor più dello spazio ha sicuramente un fascino particolare per l’Uomo; la Relatività ci ha mostrato che esso non è immutabile, ma che anzi esso può essere alterato utilizzando la velocità, l’accelerazione o la gravità cioè grandezze fisiche ben note. La logica e la Meccanica Quantistica ci offrono anche delle possibili soluzioni ai paradossi che inevitabilmente si generano in queste situazioni. La tecnologia in un lontano futuro forse potrà costruire macchine che realizzino questo antico sogno dell’Uomo: il controllo del tempo.
BIBLIOGRAFIA
Davies P., Come costruire una macchina del tempo, Mondadori, Milano. 2003.
Dorato M., Che cos’è il tempo? Einstein, Gödel e l’esperienza comune, Carocci editore, Roma, 2013.
Haidegger M., Essere e Tempo, Longanesi, Milano, 2005. 
Hawking S., Penrose R., La natura dello Spazio e del Tempo.Come capire l’incomprensibile., Biblioteca Scientifica Sansoni, Milano, 1996.
Orilia F., Filosofia del tempo.Il dibattito contemporaneo, Carocci editore, Roma, 2012.
Thorne K., Buchi neri e salti temporali.L’eredità di Einstein, Castelvecchi, Roma, 2013.
Vatinno G., Il Nulla e il Tutto.Le meraviglie del possibile, Armando Editore, Roma, 2012.
Vatinno G., Storia naturale del Tempo.L’Effetto Einstein e la Fisica del futuro, Armando Editore, Roma, 2014.

Questo è vero per le equazioni differenziali ordinarie della dinamica newtoniana (corredate di condizioni iniziali), ma anche per le equazione alle derivate parziali (corredate di condizioni al contorno) della conduzione del calore e delle onde, che coinvolgono contemporaneamente le variabili spaziali e temporali.

In realtà il tempo c’è ma è “nascosto”; infatti, il funzionale d’onda non contiene esplicitamente il tempo in una geometria dello spaziotempo “congelata”, ma il tempo stesso compare appena ci si chiede quale sia la probabilità di trovare un’altra geometria a partire da quella iniziale.

Risolvendo le equazioni di campo di Einstein per un sistema fisico rappresentato da un fluido perfetto rotante con una velocità costante Gödel trovò una particolare metrica che genera delle strutture chiamate CTC (Closed Timelike Curve) che permettono di raggiungere zone del passato semplicemente spostandosi su traiettorie spaziali.

L. Borgiani
Savage Light
By L. Borgiani
Luminescence - Light trace

IMG

Lumen In the Lumen series various aspects of light are explored in separate bodies of work. The aim is to let light reveal itself. The first body of work (Luminescence) primarily investigates light using electroluminescent (EL) wire. A current is passed through a copper wire causing the surrounding phosphor coating to emit light. The wire was wrapped around/within custom-made costumes worn by the model. The model's movements were then recorded, introducing a kinetic element. Images were also made using opaque and transparent mannequins. The second gallery (Light Trace 光 のトレース) results from a two day collaboration with Tokyo-based light artist/ fashion designer, Erina Kashihara. Light emitted from within clothing and accessories combined with directed movements clothe the model within traces of light. Michael is currently working on thousands of light images for future exhibitions. He welcomes collaboration with all artists working with light.

Luminescence La prima serie di fotografie si concentra principalmente sulla luminescenza. Questa serie fotografica osserva la luce soprattutto attraverso un filo elettroluminescente (EL wire). La corrente passa attraverso un filo di rame ricoperto di fosforo e provoca l'emissione di radiazioni luminose. Questo filo è stato incorporato in una serie di costumi realizzati per l'occasione e indossati da una modella. I movimenti della modella sono stati poi fotografati, introducendo così un elemento dinamico. Altre immagini sono state create usando manichini opachi e trasparenti. Light trace -Il materiale è il frutto di una collaborazione durata due giorni (novembre scorso a Londra) con la stilista e artista di luci Erina Kashihara che vive a Tokyo. IMGOgnuna delle sei opere della Light Mode Art di Erina è accompagnata da una fotografia statica seguita a sua volta da una serie d'immagini di giochi dinamici di luci. La luce diventa il filo conduttore tra arte e moda.

More info: LIGHT FOR ART

Website: www.michaeltaylorphoto.com

L. Rossi
Piano Tuning
By L. Rossi
Memories and Light

 

The work of Lisa Borgiani “Memories and Light” is a musical video trip around various capitals in the mid-east (Jerusalem, Istanbul, Teheran).
From here the idea to compose original music on the instant, developing and searching in the most ancient traditions a sense of continuity but mostly of newness. Light, symbol of union and hope, is the protagonist of our trip.

Il lavorodi Lisa Borgiani "Memories and Light" è un viaggio video musicale attraverso alcune città del medioriente (Gerusalemme, Istanbul e Teheran).
Da qui l'idea di comporre istantaneamente musiche totalmente originali con influenze mediorientali, sviluppando e ricercando nelle tradizioni più antiche un senso di continuità ma anche di novità.
La Luce, simbolo di unione e speranza, è protagonista di questo nostro viaggio.

BIOGRAPHY

I was born in Perugia in 1987 where I have studied piano at the public school of music in Castiglione del Lago for one year. The collaboration with the music master Mauro Grossi from Livorno me into the wide environment of armony and improvisation for four years. In 2011 I won the Prize "intuizione e ispirazione, dolci melodie nell'aria". I did various concerts in Livorno, Castiglione del Lgo, Città della Pieve and Chianciano. For many years I have been working with the artist Lisa Borgiani at the music devolopment of her projects. I have studied jazz, gradually changing from the popular origin of american music to the discovery of the rural european musical charachter. From the balcan music (Romania, Serbia, Bosnia, Zigana in their different varying) to the portugues music (fado), irish and scottish, developing my passion for the mittle-european jewish music (yiddish) and middle-east after in its different music shapes.

Sono nato il 10 gennaio 1987 a Perugia e ho iniziato lo studio del pianoforte presso la Scuola di musica comunale di Castiglione del Lago proseguendo per un anno. 
L'incontro con il maestro Mauro Grossi di Livorno mi ha guidato per 4 anni nel vasto ambito dell'improvvisazione e dell'armonia. 
Nel 2011 ho vinto il concorso "intuizione e ispirazione, dolci melodie nell'aria".
Ho tenuto concerti a Livorno, Castiglione del Lago, Città della Pieve e Chianciano. 
Da tempo collaboro con l'artista Lisa Borgiani per lo sviluppo musicale dei suoi progetti.
Studioso di jazz, sono passato gradualmente dalle origini popolari della stessa musica americana fino alla scoperta dei vari caratteri musicali rurali europei. 
Dalla musica balcanica (romena, serba, bosniaca, zigana nelle sue varianti territoriali) alla musica portoghese (fado), irlandese, scozzese, italiana (pizzica, taranta, canti popolari), spagnola e russa, approfondendo in particolar modo la musica ebraica mitteleuropea (yiddish) esuccessivamente la musica mediorientale nelle sue varie forme musicali.

lorenzorossi1987@gmail.com

Follow me on fb
Follow me on fb (2)

You Tube

SUGGESTED
Giallo Milanese
sul finire della guerra fredda
Giallo Milanese>
© The Unedited
contacts: info@theunedited.com
Vat:03983070230