x
Titolo


  FB   TW   whatsapp

Free space for free expression in english & italian

Established
1999
Managed by
F.Brunelli

Un 2019 Social

by Filippo Brunelli

Il 2019 è ormai quasi finito ed il 2020 è alle porte, così è interessante tirare le somme di quest’anno online con tutti i suoi pregi e difetti.
Se, infatti, il Global Digital Report ci mostra una crescita di un 10% degli utenti internet online rispetto all’anno precedente (circa 400 milioni di utenti in più), soprattutto dai paesi emergenti e dall’Africa, la maggior parte di essi appaiono utenti principalmente social.
“We are Social” verrebbe quindi da dire ma attenzione perchè ci sono delle novità: Facebook ha visto solo una crescita di circa 8 milioni di nuovi utenti tra luglio e settembre 2019, mentre è in netta crescita l’uso di programmi di instant messaging (che vengono ormai equiparati a social network), dovuti all’uso di dispositivi mobili come principale mezzo per accedere al web. I dati mostrano una crescita del 51% di utilizzatori di smartphone, contro solamente un 44% di utenti che utilizzano il computer, mentre l’uso di tablet è sceso al 3,6% (un calo del 13%).
Malgrado il calo di visitatori Facebook rimane ancora il 3° sito web più visitato al mondo, subito dopo Google e Youtube, pur rimanendo la query di ricerca più richiesta sul motore di ricerca Google e mantiene ancora il primato come social network con il maggior numero di utenti attivi, seguito da Youtube e Watsapp.
Pur essendo leggermente superiore il numero di utenti di sesso maschile che utilizzano il social network di Zuckerberg le donne sembrano più attive avendo un maggior numero di commenti postati, link condivisi e Like assegnati ai post.
Rimanendo sempre in area solamente social network (non considerando i programmi di Istant messaging come tali) il secondo per utenti attivi risulta essere Instagram, sempre di proprietà di Zuckerberg, i cui utilizzatori hanno, per la maggior parte, meno di 30 anni, mentre Twitter mostra un lento ma continuo aumento di utilizzatori dovuto probabilmente al differente tipo di utilizzo e alla censura meno severa, così come Linkedin.
Abbiamo detto che vogliamo considerare i programmi di messaggistica istantanea separatamente dai social network e qua vediamo che a farla da padrone è sempre Facebook che con il suo Messenger ed il suo whatsapp ha il 90% del mercato, mentre i suoi “concorrenti” come Telegram o Viber sono quasi inesistenti o con un target geograficamente limitato, mentre resiste Wechat che in Cina è praticamente il padrone assoluto. Da segnalare che negli ultimi mesi dell’anno TikTok ha avuto un impenno diventando la terza app più scaricata (Whatsapp è solamente la 4°) e che, se confermato il trend, sarà un valido rivale per il 2020 ai programmi di Zuckemberg.

Interessante è anche il modo che hanno gli utenti di utilizzare il web; come abbiamo detto all’inizio di questo articolo la maggior parte degli utenti utilizza i dispositivi mobili e questa metodologia permette di utilizzare i comandi vocali più agevolmente che non su di un PC, così il 50% degli utilizzatori che hanno tra i 16 ed i 34 anni preferiscono usare il riconoscimento vocale per interagire con il web, mentre questa metodologia di utilizzo tende a scendere con l’aumentare dell’età attestandosi ad un 21% per utenti che vanno dai 55 ai 64 anni.
Per quanto riguarda i tempi di utilizzo del web sembra che (a livello mondiale) si passi in media 6 ore al giorno connessi tra App, Navigazione, Messaggistica e mail; per fortuna non tutto il tempo è passato sui social media (come alcuni servizi sui media tradizionali possono portare a pensare) e si va dai soli 36 minuti al giorno per gli utenti di internet in Giappone ad un massimo di 4 ore medie per gli utenti Filippini.
Infatti i dati di GlobalWebIndex mostrano che il 98% degli utenti internet che ha visitato un social network nell’ultimo mese solo l’83% è risultato un utente attivo e non solo fruitore passivo e che molti di loro utilizzano il social network anche per lavoro.

Fino ad ora abbiamo trattato di dati a livello globale, ma come ce la passiamo noi Italiani?
Per prima cosa diciamo che il 92% (54 milioni) degli abitanti del bel paese è connesso ad internet il che fa di noi uno dei paesi europei più digitalmente connessi. Quasi il 60% dei 54 milioni di utenti online è attivo sui social network e poco più della metà di questi accede ai social via dispositivo mobile (Smatphone).
Il tempo che noi passiamo online è anche quello sopra la media che infatti per noi Italiani arrivia a sei ore medie giornaliere mentre tra le query di riceca più utilizzate ci sono le parole Meteo, Facebook, Youtube, Google e Traduttore.
Il campione considerato va dai 16 ai 64 anni, e ci mostra un utilizzo online principalmente per la visione di video (92%), mentre l’utilizzo dei comandi vocali da noi si attesta ad un semplice 30%.
Dal report risulta poi i cittadini del bel paese amano chiacchierare, tanto che risulta l’uso principale del web per i programmi di messaggistica con whatsapp (84% di utilizzatori) che la fa da padrone, seguito da Facebook messenger (54%), mentre Youtube, con il suo 87% di utilizzatori, risulta il social network più seguito incalzato da Facebook (81%) e, a distanza, da Instagram con solo un 55%.
Ma cosa guardano gli Italiani su Youtube? Principalmente musica: tra le ricerche, infatti, la classifica vede in pole position le canzoni, seguite dai film e quindi dal gioco Fortnite.
Solamente 11% degli utilizzatori dei social, poi, dichiarano di utilizzarli anche per lavoro a dimostrazione che in Italia vengono utilizzati come canale panacea di svago.
Su di un piano puramente “sessista” vediamo che, mentre tra facebook e instagram la differenza di utenti di un sesso anzichè l’altro non è molto differente (su Facebook gli uomini superano leggermente le donne e su instagram l’inverso) su Twitter sono gli uomini a farla da padroni con un 68% di utilizzatori.

Nell’era del web 2.0 e della digital revolution sapere come ci comportiamo online, quali App si scaricano o Quali siti si visitano, nonché il metodo di utilizzo della tecnologia, rappresenta uno specchio della società né più né meno delle statistiche ISTAT che ogni anno ci vengono presentate come specchio della società. Queste analisi dei comportamenti dove la differenza tra vita reale e vita virtuale non rappresenta più due elementi separati ma un unico elemento della vita delle persone è una rappresentazione che riguarda tutti noi e non sono più solo uno strumento di statistica per creare marketing online utilizzato dagli operatori del settore.
Un’ultima cosa che appare (e che dovrebbe preoccuparci!) dal report sull’utilizzo del web nel 2019 è la centralizzazione che Facebook sta operando nel settore della messaggistica istantanea e che è quasi a livello di monopolio.

 

Riferimenti: https://datareportal.com/reports/digital-2019-q4-global-digital-statshot

social social social print

Nerdering

© The Unedited
contacts: info@theunedited.com
Vat:03983070230